• Articolo , 24 maggio 2011
  • India, grid parity raggiungibile in 6 anni

  • Una politica più aggressiva e investimenti su tutta la filiera potrebbero portare il gigante asiatico ad un importante calo nei prezzi del solare, assicurando la grid parity già nel 2017

(Rinnovabili.it) – Sarà che le condizioni metereologiche sono quelle giuste, sarà che la Nazione non ha fatto segreto della sua ambizione nel campo dell’energia solare, ma per l’India la _grid parity_ potrebbe essere più vicina di quanto non lo sia per molte economie sviluppate. Secondo gli analisti della KPMG, l’energia solare potrebbe *raggiungere i costi dell’elettricità tradizionale* già dal 2017, a patto ovviamente che il comparto venga ancora supportato dalla politica e tramite ingenti investimenti su tutte le principali fasi di sviluppo, dalla ricerca fino alla produzione. “Il settore solare ha le potenzialità per trasformare l’economia indiana nello stesso modo in cui l’ha cambiata l’IT nel corso del 1990”, spiegano gli analisti.

L’India ha bisogno di *110 miliardi dollari di investimenti complessivi* nel prossimo decennio per sviluppare l’energia solare nella misura in cui essa possa soddisfare quasi il 7% della potenza nazionale al 2022. Il governo indiano ha già adottato misure per sfruttare il proprio potenziale, sia fotovoltaico che solare termico, attraverso la creazione nel 2009 della *National Solar Mission*, una strategia a tre fasi per incrementare lo sfruttamento di questa fonte e la produzione energetica in tutto il paese, ma gli ostacoli rimangono; alti costi di produzione, mancanza di dati e di manodopera qualificata costituiscono oggi un freno non indifferente. “Il ritmo con cui il divario tra le ‘tariffe solari’ e il costo dell’energia convenzionale sarà colmato determinerà il ritmo con cui l’energia solare decollerà”, si legge nel rapporto. “E anche se ci aspettiamo che la grid parity per queste categorie di consumatori – famiglie e agricoltura – sia raggiunta tra il 2019 e il 2020,” in alcuni casi “è probabile che avvenga prima”. Alcuni stati come ad esempio il Rajasthan e il Gujarat, in Occidente e nel Tamil Nadu, nel sud del paese potrebbero raggiungere la grid parity prima di altri grazie a politiche e posizioni geografiche più favorevoli.