• Articolo , 3 marzo 2010
  • India: la carbon tax dà una mano alle rinnovabili

  • Il Governo Indiano ha istituito una nuova tassa sulle emissioni di carbonio i cui proventi saranno destinati ad un fondo a favore delle energie pulite.

(Rinnovabili.it) – L’annuncio è stato dato dal Ministro delle Finanze Pranab Mukherjee durante la presentazione del bilancio annuale al Parlamento Indiano. “Sfruttare le fonti alternative, come risorsa per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, è un’ottima strategia per combattere il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici”. E per favorire il comparto verde il Governo ha stabilito che per ogni tonnellata di carbonio prodotto o importato verrà applicata una tassa pari a 50 rupie, equivalenti a un dollaro, che andranno a costituire il nuovo fondo nazionale per le fonti rinnovabili.
Mukherjee ha reso nota anche la decisione di sospendere la tassazione finora applicata alle energie pulite per accelerare l’avviamento della tecnologia solare, eolica e geotermica. Verranno infatti esentati dalla tassa sulla produzione di nuovi beni i sistemi fotovoltaici, alcuni componenti degli aerogeneratori e i veicoli elettrici, mentre sui sistemi a pompa di calore non saranno attuati i dazi d’importazione e verrà applicata un aliquota di appena il 5% sull’importazione delle attrezzature usate nelle centrali solari. Si stima che, grazie all’iniziativa, si accumuleranno in un anno circa 544 milioni di dollari per gli incentivi alle rinnovabili.
Il Governo indiano adotterà tale politica come banco di prova per ridurre le emissioni di carbonio del 25% nella prossima decade. E’ inoltre in cantiere, ricordiamo, un ambizioso progetto che prevede l’investimento di 22 miliardi di dollari nel piano solare nazionale per l’installazione di 20 GW di capacità fotovoltaica entro il 2020; tale piano riceverà però anche il supporto di finanziamenti provenienti dalle nazioni industrializzate. L’iniziativa darà una mano soprattutto alle aziende produttrici di energie alternative infatti, a seguito della notizia, hanno già riscontrato un aumento delle quotazioni in borsa, rispettivamente del 5 e 7,4%, nomi del calibro di Suzlon Energy e Moser Baer india.