• Articolo , 24 giugno 2008
  • Industria 2015: proroga per la presentazione dei progetti

  • Firmato il decreto che rinvia al 15 settembre il termine delle domande per i bandi ‘Efficienza energetica e ‘Mobilità sostenibile’

Le imprese avranno a disposizione più tempo per presentare le domande per i bandi “Efficienza energetica” e “Mobilità sostenibile” di “Industria 2015”. Il Ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola ha firmato oggi il decreto che proroga al 15 settembre il termine di presentazione dei progetti. Secondo quanto riferisce il dicastero in un comunicato stampa, la proroga tiene conto, anche in considerazione della pausa elettorale, dell’esigenza delle imprese di disporre di un lasso di tempo adeguato sia per utilizzare il sistema di compilazione informatica, disponibile a partire dai prossimi giorni, sia dare la possibilità di formare partenariati di imprese, adeguati alla complessità dei progetti di ricerca. “I bandi sull’efficienza energetica e la mobilità sostenibile – ha dichiarato il ministro Scajola – rappresentano un forte stimolo per il sistema imprenditoriale ad investire in settori strategici per lo sviluppo del Paese, mettendo a disposizione circa 400 milioni di Euro per cofinanziare progetti di Ricerca industriale e Sviluppo precompetitivo. Con la proroga, oltre ad ottemperare all’obbligo di legge di consentire la conoscenza delle regole per almeno 90 giorni a decorrere dalla pubblicazione dei bandi in Gazzetta Ufficiale, si offre l’opportunità alle imprese di presentare anche progetti complessi e di grandi dimensioni”. Il bando “Efficienza energetica” mira al rilancio della competitività del sistema industriale, attraverso un risparmio di energia nei processi produttivi e negli usi finali e sfruttando le fonti energetiche rinnovabili in modo da migliorare la sicurezza energetica anche in un’ottica di sostenibilità ambientale. Il Piano di Progetto per la Mobilità Sostenibile invece vuole favorire lo sviluppo di nuovi prodotti e soluzioni tecnologicamente innovative in grado di rispondere ai bisogni di mobilità e trasporto di persone e merci, più efficienti e al tempo stesso maggiormente rispettose dei vincoli ambientali e sociali.