• Articolo , 7 dicembre 2009
  • Inquinamento Malpensa: stanziati i fondi per i monitoraggi

  • “Gli stanziamenti per il monitoraggio dell’impatto ambientale dell’aeroporto di Malpensa sui cittadini del territorio piemontese sono finalmente possibili con l’approvazione, da parte del Consiglio regionale, dell’assestamento al bilancio della Regione Piemonte”. Lo riferisce l’assessore all’Ambiente Nicola de Ruggiero. “Già domani – aggiunge l’assessore – è prevista una riunione di ARPA con la provincia di Novara […]

“Gli stanziamenti per il monitoraggio dell’impatto ambientale dell’aeroporto di Malpensa sui cittadini del territorio piemontese sono finalmente possibili con l’approvazione, da parte del Consiglio regionale, dell’assestamento al bilancio della Regione Piemonte”. Lo riferisce l’assessore all’Ambiente Nicola de Ruggiero.
“Già domani – aggiunge l’assessore – è prevista una riunione di ARPA con la provincia di Novara e i rappresentanti degli enti locali per definire le tappe del programma di monitoraggio ed avviare lo studio per il rapporto sull’inquinamento prodotto dall’aeroporto sul lato piemontese del Ticino”.
“Finora le risorse – spiega de Ruggiero – sono state impegnate, in massima parte e superiori ad ogni previsione, per l’emergenza nucleare ed il relativo monitoraggio del comprensorio di Saluggia. Con l’assestamento, che la Giunta regionale aveva predisposto fin da luglio e che è stato approvato dal Consiglio regionale il 30 novembre, ultimo giorno utile, sono stati reperiti gli stanziamenti”.
“In questi anni – aggiunge l’assessore – siamo sempre stati a fianco dei nostri concittadini per contrastare in modo pressante quello che riteniamo un fattore di inquinamento acustico e dell’aria prodotto dall’esercizio dell’aeroporto, senza nessun tipo di precauzione per la salute dei piemontesi”.
“Infine – conclude de Ruggiero – voglio ribadire che la Regione Piemonte attende decisioni che riportino il ruolo effettivo del Piemonte nelle decisioni dell’osservatorio su Malpensa. Abbiamo già detto che giudichiamo assolutamente inaccettabile che ENAC abbia deciso d’autorità di escludere dalle riunioni dell’organismo aeroportuale, confinandoli in un ruolo di semplice invitati, i rappresentanti della Regione Piemonte, della Provincia di Novara, del Parco regionale del Ticino, dei Comuni vicini al confine regionale e delle associazioni”.