• Articolo , 28 aprile 2011
  • Integrazione architettonica: novità in arrivo

  • La sostenibilità ambientale unita alla riqualificazione edilizia possono condurre verso importanti traguardi

(Rinnovabili.it) – Superfici fotovoltaiche integrate ad alta efficienza che, oltre a produrre più energia, riscaldano l’acqua e sostituiscono il rivestimento esterno di qualsiasi fabbricato: è l’obiettivo raggiunto da un’azienda fotovoltaica lucana, la Eosolare, che sembra aprire nuovi orizzonti all’integrazione architettonica del fotovoltaico negli edifici. Si tratta di prodotti completamente integrabili, da utilizzare per la progettazione di strutture che possono autoalimentare elettricamente tanto uffici quanto edifici residenziali: vetro camere con integrazione termica e superfici fotovoltaiche capaci di raggiungere un’efficienza del 16,33% e di ottenere quasi 1 kW in meno di 6 metri quadrati. Le applicazioni per questo genere di prodotti sono varie: dagli infissi (come finestre o porte di qualsiasi dimensione) alle facciate continue di palazzi. Buone anche la resistenza meccanica che esse conferiscono alle strutture in cui vengono integrate e l’isolamento termico interno, notevolmente migliorato.