• Articolo , 29 gennaio 2010
  • Intel passa al solare con 2,5 MW di nuovi progetti

  • La multinazionale californiana prevede di impianti fotovoltaici su otto stabilimenti in quattro stati ed aumentare i suoi crediti di energia rinnovabile (REC) del 10%

(Rinnovabili.it) – Gli obiettivi per il 2012 dichiarati dalla Intel Corp. in direzione di una maggiore tutela ambientale ed attenzione ai consumi si fanno ora forti di un nuovo progetto societario tutto indirizzato alle rinnovabili. La produttrice di semiconduttori ha già preso ufficialmente l’impegno per una strategia di risparmio idrico ed elettrico, comprendente anche il taglio delle emissioni climalteranti, la riduzione dei rifiuti e l’incremento dell’efficienza energetica dei propri prodotti. Per completare il quadro la multinazionale intraprenderà la realizzazione di otto impianti fotovoltaici per una capacità di 2,5 MW in altrettanti stabilimenti degli Stati Uniti in Arizona, California, Nuovo Messico e Oregon, che secondo i piani societari dovrebbero essere completati nel corso dei prossimi sette mesi. A ciò si aggiunge il rinnovo e aumento del 10% i suoi impegni di acquisto di crediti di energia rinnovabile (REC) per 1,43 miliardi di kWh pari al 51% del suo consumo di energia elettrica stimato al 2010.
“L’Intel – ha dichiarato Brian Krzanich, vice president e general manager della produzione – è impegnata nelle energie verdi per ridurre la propria impronta di carbonio, nonché per stimolare il mercato e rendere più economicamente fattibili le rinnovabili per privati e aziende di distribuzione”.
Krzanich ha ribadito inoltre la volontà di continuare a perseguire investimenti nelle energie pulite come dimostra peraltro la Green Power Partner classifica compilata dall’Environmental Protection Agency (EPA) che pone l’Intel sul podio come il più grande acquirente volontario di elettricità verde.