• Articolo , 17 giugno 2009
  • Intesa tra Confservizi e Regione Emilia Romagna per l’efficienza energetica

  • Confservizi e Regione Emilia Romagna sigleranno il prossimo 23 giugno il protocollo d’intesa per la promozione degli interventi di risparmio energetico, l’utilizzo efficiente dell’energia e l’impiego di fonti rinnovabili. Si tratta di un accordo quadro, già approvato in sede di giunta regionale e previsto dal Piano energetico di viale Aldo Moro, che impegna il sistema […]

Confservizi e Regione Emilia Romagna sigleranno il prossimo 23 giugno il protocollo d’intesa per la promozione degli interventi di risparmio energetico, l’utilizzo efficiente dell’energia e l’impiego di fonti rinnovabili.
Si tratta di un accordo quadro, già approvato in sede di giunta regionale e previsto dal Piano energetico di viale Aldo Moro, che impegna il sistema delle aziende di servizio pubblico a svolgere un ruolo di primo piano nell’attuazione delle politiche energetiche della Regione, sia in generale che per quanto riguarda la produzione e l’impiego di fonti rinnovabili e l’efficienza energetica delle proprie strutture e servizi.

Tra i principali obiettivi del protocollo ci sono lo sviluppo di infrastrutture energetiche e servizi per attività produttive nelle aree ecologicamente attrezzate, la promozione della mobilità sostenibile, la ricerca applicata e l’innovazione tecnologica.

Con l’accordo, le aziende del sistema Confservizi, in collaborazione con gli enti locali, si impegneranno ad elaborare e attuare programmi e misure che raggiungano questi obiettivi, contribuendo a informare e orientare i cittadini – utenti sulle misure di miglioramento dell’efficienza energetica. Le aziende associate, inoltre, promuoveranno e sosterranno progetti di ricerca e sperimentazione industriale.

L’accordo avrà durata di cinque anni che potranno essere prorogati al termine di questa scadenza. E’ prevista inoltre la costituzione di un comitato paritetico, composto da rappresentati di entrambe le parti, per il monitoraggio e il coordinamento di tutta l’attività.

“Il protocollo assume grande rilevanza di carattere politico – istituzionale – commenta Graziano Cremonini, presidente di Confservizi ER – anche perchè riconosce il contributo che Confservizi ER e il comparto dei servizi pubblici può dare nel campo dell’efficienza, del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili”.