• Articolo , 4 luglio 2008
  • Investire sulla geotermia, una risorsa eco-compatibile

  • Il convegno dal titolo “La geotermia a bassa temperatura in Italia”, organizzato da UGI, CNG e ATI, sarà l’occasione per presentare il “Manifesto della Geotermia”

Si svolgerà a Roma il 9 luglio presso la Pontificia Università Urbaniana, il convegno dal titolo “La geotermia a bassa temperatura in Italia” a cura del Consiglio Nazionale dei Geologi (CGN), Unione Geotermica Italiana (UGI) e Associazione Termotecnica Italiana (ATI). L’evento sarà incentrato sulla necessità di un forte sviluppo in Italia dell’energia geotermica come risorsa eco-compatibile che può limitare la dipendenza dalle fonti energetiche importate, ridurre il deficit della bilancia dei pagamenti e diminuire l’impatto sull’ambiente dei gas serra. La giornata prevede anche la distribuzione del Cartogramma, predisposto dal CGN e dall’UGI, con tutti i dati relativi alle aree di interesse geotermico nel Paese e la presentazione del primo ‘Manifesto della geotermia’. Con questo documento l’UGI, il CNG e l’ATI vogliono sottolineare il significato strategico che lo sviluppo del calore naturale ha per alleviare le difficoltà energetiche del Paese. Il documento è rivolto al Parlamento italiano ed alle Istituzioni coinvolte nei problemi dell’energia affinché “vengano prese iniziative di legge atte a favorire l’immediato sviluppo della geotermia in tutte le sue possibili forme di applicazione.