• Articolo , 2 settembre 2008
  • Iran per una riduzione della vendita del petrolio

  • Un taglio di circa 1,5 milioni di barili al giorno. Questo propone all’Opec il ministro iraniano Ali Khatibi

L’Opec potrebbe tagliare la produzione di greggio di circa 1,5 milioni di barili al giorno, cioè del 5% e l’Iran vorrebbe attuarlo al più presto, magari a partire dall’anno prossimo, come misura per bilanciare i mercati globali.
“Il mercato attuale non è bilanciato, la sovraproduzione non può continuare a lungo – ha spiegato il ministro iraniano Mohammad Ali Khatibi – così avrebbe un impatto sul prezzo e gli investimenti nel settore petrolifero”. Da parte sua l’Opec potrebbe valutare un piano in due fasi, per diminuire la produzione, proprio al meeting in programma per la prossima settimana a Vienna. La prima mossa dovrebbe essere quella di portare la produzione tra i 500 e i 700 mila barili al giorno in meno proprio nei Paesi che già adesso estraggono più greggio del dovuto. Il secondo passo dovrebbe essere quello di un taglio ufficiale da parte dell’Opec da effettuarsi a dicembre, durante il meeting in Algeria.