• Articolo , 17 gennaio 2008
  • Irlanda vuole sfruttare l’energia delle maree

  • Nel corso dei prossimi tre anni più di 26 milioni di euro saranno investiti in finanziamenti mirati al settore del moto ondoso. Il paese dell’arpa celtica lancia un’ambiziosa iniziativa nel campo delle rinnovabili

“Abbiamo un potenziale di risorse energetiche ineguagliabile nel mare d’Irlanda”. Così il ministro dell’Energia irlandese, Earnon Ryan, ha annunciato un programma di attività, borse di studio e supporti finanziari per lo sfruttamento a fini energetici delle maree. Nei prossimi tre anni saranno investiti 26 milioni di euro per lo sviluppo di questo settore al fine di “permettere all’Irlanda di vincere la corsa allo sviluppo di un dispositivo, d’ampia scala e commercialmente valido, per la generazione di energia elettrica”. L’impegno del ministero, per la realizzazione di un Programma Nazionale di Energia Marina, è stato accolto con grande favore sia dal dottor Michael Murphy, Presidente dell’University College di Cork, che dal dottor Brendan Murphy del Cork Institute of Technology (CIT), entrambi collaboratori nello sviluppo del progetto e destinatari di parte del finanziamento. Ryan ha inoltre annunciato un ulteriore impulso per il settore, con il primo prezzo garantito per l’energia delle maree, grazie all’introduzione del meccanismo di incentivazione “feed-in-tariff”, che prevedrà 220 euro per ogni MWh prodotto. “L’Irlanda ha ora per l’energia marina il più sofisticato sistema di sostegno statale del mondo. Il governo sostiene lo start-up di questa ricerca ed abbiamo la garanzia di un prezzo, per questo tipo di energia elettrica, che è uno dei più competitivi”. (fonte RenewableEnergyAccess.com)