• Articolo , 12 giugno 2008
  • ISES: rinnovabili e nucleare, due percorsi paralleli

  • In un workshop uno dei temi più attuali in campo energetico cioè un confronto su base economica, tecnica e scientifica tra le fonti rinnovabili e il nucleare

Si farà il punto sul futuro della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e da nucleare, con un evento pensato soprattutto per chi gestisce le istituzioni e per i decision makers. L’ISES ha sempre scelto un approccio scientifico e oggi vuole dare un segnale forte nel settore delle rinnovabili, senza scontri ideologici, ma tramite un confronto tecnico. Parteciperanno gli addetti ai lavori che dovranno interloquire in un’atmosfera nuova a partire dalla relazione introduttiva, che sarà tenuta da G.B. Zorzoli (Vice Presidente di Ises Italia), continuando con una panoramica della generazione elettrica sia da nucleare (Maurizio Cumo, Presidente Sogin) che da fonti rinnovabili (Giorgio Palazzi, ENEA). In seguito è prevista una tavola rotonda, coordinata da Vincenzo Naso (Presidente di Ises Italia), che vedrà partecipare esponenti di Enel, Enea, Edison, Anev e Aper..
Come ha sottolineato il Presidente di Ises Italia, Vincenzo Naso, all’inizio degli anni ’90 Italia e Germania partirono allo stesso livello, ma poi la Germania ha sviluppato il business delle rinnovabili. Si spera che oggi, dopo quasi vent’anni, anche l’Italia, possa riuscirci, ultimando l’iter legislativo che ha regolato l’industria produttiva delle fonti pulite.