• Articolo , 17 marzo 2009
  • Italia-UK: un’efficienza energetica condivisa

  • Strategie e proposte in direzione dell’efficienza energetica in edilizia attraverso la voce politica, quella di R&S e quella dell’industria

La Gran Bretagna ha fatto dell’efficienza energetica una delle strategie chiave a livello nazionale per affrontare il cambiamento climatico e rilanciare, l’economia attraverso una serie di misure educative e finanziamenti ad hoc. Ecco perché assume ancora più rilevanza la tavola rotonda “Italia-Regno Unito: strategie e proposte per l’efficienza energetica negli edifici” organizzata dall’Ambasciata britannica a Roma, in collaborazione con l’ENEA. Obiettivo dell’evento, che si terrà giovedì 19 marzo 2009 a partire dalle ore 9.30 presso la residenza romana dell’Ambasciatore britannico, quello di incoraggiare lo sviluppo di sinergie tra governi, enti di ricerca e industria nella promozione dell’efficienza energetica nel settore dell’edilizia. Ad aprire i lavori sarà l’intervento dell’Ambasciatore Edward Chaplin, a cui seguiranno tre sessioni di lavoro incentrate rispettivamente su politiche governative, ricerca e industria, alle quali parteciperanno tra gli altri Iain Wright, Sottosegretario del Ministero britannico per le Comunità e le Amministrazioni locali, Roberto Menia Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, il Presidente dell’ENEA Luigi Paganetto e Cedric Sloan, Direttore Generale della FETA (Federation of Environmental Trade Associations). La tavola rotonda sarà moderata da Heinz Ossenbrink del Joint Research Centre.