• Articolo , 1 settembre 2010
  • ITE, al via lo studio sul riciclo dei moduli PV

  • Nuova vita ai moduli dismessi. Il riciclo del fotovoltaico potrebbe aprire un nuovo mercato portando al reintegro e al riuso di materiali quali alluminio, vetro e semiconduttori per la realizzazione di nuovi moduli e di altri prodotti

(Rinnovabili.it) – Cresce l’utilizzo dell’energia fotovoltaica ma spesso si presenta il problema della gestione dei moduli a fine vita, stimata di circa un ventennio. La Spagna, che tra non molti anni si potrebbe trovare davanti alla necessità di affrontare la dismissione di numerosi impianti fotovoltaici, sta valutando il riutilizzo delle componenti, un’operazione necessaria per evitare l’accumulo di numerosi moduli altrimenti destinati alla discarica.
Nonostante nel 2007 sia nato “PV CYCLE”:http://www.pvcycle.org/index.php?id=3, consorzio per la sensibilizzazione delle aziende verso la gestione e il riciclo dei moduli, sono molti gli istituti che continuano la ricerca di metodi di recupero dei materiali in essi contenuti. Ne è un esempio lo spagnolo *ITE, Istituto tecnologico dell’Energia,* che sta studiando i diversi moduli in silicio amorfo, monocristallino, policristallino e CSI e valutando le possibilità di riciclarli differenziando i materiali presenti nelle unità, tra cui vetro, alluminio e semiconduttori.
Grazie a questo progetto si cercherà di comparare il consumo energetico della produzione, della distribuzione, dell’istallazione e della disinstallazione dei moduli a seconda della diversa tecnologia per poi valutare quanto un modulo ha prodotto prima di essere dismesso e riciclato. La novità consiste però nell’opportunità di reimpiegare i materiali in buone condizioni per la produzione, ad esempio, di nuovi moduli o di numerosi altri prodotti dando vita così ad un nuovo mercato che in Spagna sarebbe una novità assoluta, come dichiarato da Lydia Gomez, responsabile del progetto.