• Articolo , 30 ottobre 2008
  • ITIS e IPSIA di Spoleto e Giano a scuola di fotovoltaico

  • Studenti a scuola di fotovoltaico. E’ quello che stanno facendo gli alunni dell’Itis – Ipsia di Spoleto e dell’Ipsia di Giano dell’Umbria, coordinati dalla nuova preside Fiorella Sagrestani. Un’iniziativa importante che ha preso ufficialmente il via nei giorni scorsi e che è realizzata con la collaborazione ed il finanziamento della Provincia di Perugia. “Nei giorni […]

Studenti a scuola di fotovoltaico. E’ quello che stanno facendo gli alunni dell’Itis – Ipsia di Spoleto e dell’Ipsia di Giano dell’Umbria, coordinati dalla nuova preside Fiorella Sagrestani. Un’iniziativa importante che ha preso ufficialmente il via nei giorni scorsi e che è realizzata con la collaborazione ed il finanziamento della Provincia di Perugia.
“Nei giorni scorsi – spiega la dirigente scolastica – si è svolto il primo incontro dei tre previsti dalla Provincia per indirizzare i ragazzi sul tema del fotovoltaico e spiegare loro il funzionamento impianto”. Una sorta di ministage, nel corso del quale sono stati spiegati alcuni aspetti tecnici dei pannelli solari e di come funzionerà il sistema che permetterà alla scuola di produrre energia. Altri due incontri sono in programma in futuro e si terranno direttamente a Perugia.
“Una volta montati i pannelli solari – prosegue la professoressa Sagrestani – verrà posizionato un sistema di controllo dall’interno della scuola e si verificherà così la produzione di energia. Un’iniziativa quindi che ha un doppio risvolto didattico: i ragazzi potranno seguire la realizzazione dell’impianto passo passo, ma la scuola sarà aperta anche ad altri gruppi ed altri istituti che volessero venire a scoprire il risparmio energetico”.
Il progetto per il cofinanziamento all’installazione di pannelli solari per la produzione di energia elettrica a cui hanno aderito i due plessi scolastici e la Provincia (ma anche altre scuole del territorio e dell’Umbria) fa parte del programma nazionale per la promozione dell’energia solare, sotto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente. Per quanto riguarda Itis e Ipsia, sono state coinvolte le classi terminali del corso di studi della sezione Elettrotecnica, perché più attinenti all’argomento trattato.Gli allievi hanno risposto in maniera attiva, dimostrando interesse allo sviluppo dei progetti, consapevoli dell’importanza dell’argomento trattato in un momento così importante per lo sviluppo delle energie alternative, che rappresentano l’unica soluzione alla dipendenza del petrolio e alla salvaguardia dell’ambiente. Dopo l’incontro dei giorni scorsi sono ora previste due giornate di Stage formativo presso la Provincia di Perugia e l’Aea (agenzia per l’ambiente e l’energia), come conclusione del percorso progettuale, di cui una in cantiere, per vedere da vicino la realizzazione e la posa in opera dei pannelli fotovoltaici.L’energia prodotta è di 20 KW a centrale, sarà immessa in rete e ceduta all’ENEL, ciò contribuirà in modo considerevole al risparmio energetico delle singole scuole.