• Articolo , 11 febbraio 2011
  • KasaUovo, il prefabbricato passivo risparmia il 70% dell’energia

  • La forma ovoidale permette di sfruttare il minimo spazio garantendo la massima superficie abitativa. Termoisolata e antisismica, la casa riesce a ridurre i consumi sfruttando l’energia eolica e solare, oltre ad un sistema per recupero e riciclo delle acque grigie e meteoriche

(Rinnovabili.it) – Antisismica, modulare, prefabbricata e a basso impatto ambientale. Queste le caratteristiche principali di “KasaUovo”:http://www.casauovo.it/, l’abitazione a forma di uovo pensata e brevettata dall’architetto toscano Roberto Casati, sviluppata assieme all’Architetto Marco Puggelli, l’Ingegnere Matteo Puggelli e David Santangelo e che sta facendo il giro della rete.
Nonostante la curiosa forma esterna, all’interno l’abitazione rispecchia i canoni della casa tradizionale offrendo confort, sostenibilità, efficienza energetica, recupero e riciclo delle acque grigie e meteoriche, oltre ai bassi costi di gestione e di realizzazione.
Realizzando la KasaUovo è stato pensato un sistema a doppia membrana, una interna e una esterna, che facilitano il passaggio e il ricambio dell’aria e l’ottimizzazione della temperatura nei locali della struttura. Il guscio esterno risulta infatti termoisolante e fonoisolante mentre la doppia membranatura funziona come una parete ventilata e al contempo come un sistema di recupero dell’energia eolica e solare.
Grazie all’enorme versatilità la struttura può essere modificata e personalizzata e arrivare a consumare anche il 70% in meno dell’energia di cui necessita una casa tradizionale di pari dimensioni (70 metri quadrati). Realizzata con materiali che per il 90% sono stati riciclati principalmente dagli scarti del legno e dai pneumatici dismessi è un modello brevettato che potrebbe presto rivoluzionare il mercato delle case passive.