• Articolo , 24 giugno 2010
  • Kinexia, Autorizzazione Unica per 16,2 MW a Latina

  • Kinexia che in data odierna la società E.R. Energia Rinnovabile S.r.l. – controllata da Volteo Energie S.p.A., subholding di partecipazione nel settore delle fonti rinnovabili del Gruppo Kinexia – ha ottenuto l’autorizzazione unica per la costruzione (ai sensi del D.Lgs 387/03) di un impianto fotovoltaico della potenza di 16,2 MWp, nel Comune di Latina località […]

Kinexia che in data odierna la società E.R. Energia Rinnovabile S.r.l. – controllata da Volteo Energie S.p.A., subholding di partecipazione nel settore delle fonti rinnovabili del Gruppo Kinexia – ha ottenuto l’autorizzazione unica per la costruzione (ai sensi del D.Lgs 387/03) di un impianto fotovoltaico della potenza di 16,2 MWp, nel Comune di Latina località Borgo Sabotino, su un’area di circa 40 ettari.
L’iniziativa, inclusa nel piano industriale 2008 – 2013, è arrivata in anticipo rispetto alle previsioni relative al 2010 che stimavano l’allaccio, come fotovoltaico, del solo impianto di circa 10 MW attualmente in costruzione ad Aprilia e prevede una produzione energetica annua a regime di circa 22.520.000 kWh.
In meno di un anno il Gruppo ha così ottenuto autorizzazioni uniche alla costruzione di impianti fotovoltaici per un totale di 29 MW nella provincia di Latina.
Nello specifico, oltre a questa nuova autorizzazione da 16,2 MW, si aggiungono quella da circa 10 MW già in costruzione e finanziata in project financing (vedi comunicato del 4 giugno 2010) e quella da 3 MW, sempre ad Aprilia in Via Pantanelle (vedi comunicato del 26 aprile 2010).
“Questa ulteriore autorizzazione segna un passo importante nella crescita di Kinexia” – ha commentato il Dott. Pietro Colucci, Presidente e Amministratore Delegato di Kinexia –“ Rappresenta inoltre il nostro modello di creazione di valore: non solo profitto ma anche etica e sostenibilità ambientale come elementi
fondanti”.
Il valore ambientale è pari alla mancata emissione in atmosfera di circa 13.400 tonnellate/anno di CO2, equivalenti alla mancata combustione di circa 4.200 tonnellate/anno di petrolio e/o derivati fossili.