• Articolo , 25 gennaio 2010
  • Klimahouse 2010, un nuovo modo di costruire

  • Si è chiusa ieri l’edizione 2010 di Klimahouse, la fiera sull’efficienza energetica e la sostenibilità in edilizia giunta ormai alla quinta edizione, appuntamento d’elezione tanto per le aziende che per che gli utenti finali. Mantenendo il suo standard di Internazionalità che da anni la ha elevata a punto di riferimento in un settore in continuo […]

Si è chiusa ieri l’edizione 2010 di Klimahouse, la fiera sull’efficienza energetica e la sostenibilità in edilizia giunta ormai alla quinta edizione, appuntamento d’elezione tanto per le aziende che per che gli utenti finali. Mantenendo il suo standard di Internazionalità che da anni la ha elevata a punto di riferimento in un settore in continuo movimento, si è proposta quest’edizione come vetrina per le soluzioni più innovative per il risparmio energetico e la progettazione ‘green’ ma anche come promotrice di una nuova cultura dell’edilizia sostenibile. Il Presidente di Fiera Bolzano Gernot Rössler nel suo discorso inaugurale aveva dichiarato “Anche se Copenhagen non è andato in porto, nessuno nella nostra società avanzata dubita più del fatto che sia assolutamente necessario un cambiamento radicale nel modo di pensare e di agire. L’umanità deve abbandonare l’utilizzo delle energie tradizionali, quali il carbone, il gas e il petrolio e non solo perché queste fonti si stanno esaurendo e per questo diventano sempre più costose, ma soprattutto perché contaminiamo l’atmosfera con miliardi di tonnellate di CO2 con conseguenze che nemmeno ci possiamo immaginare”. Per la prima volta in questa edizione è stato proposto il “Klimahouse Marketing Award” che ha voluto premiare quelle aziende risultate migliori per strategie di comunicazione e più aderenti alla tematica della manifestazione. La fiera è stata organizzata in due settori espositivi o Macro Aree principali l’una dedicata alla ‘COSTRUZIONE DEGLI EDIFICI’ e l’altra alla ‘TECNOLOGIA DELL’EDIFICIO’. La prima si è concentrata sui settori finestre termoisolanti, porte e portoni, isolamento termico, elementi per prefabbricati e prefabbricati, coperture, tetti, risanamento, strutture verticali e orizzontali, la seconda invece è stata tutta dedicata a riscaldamento, ventilazione, raffreddamento, energie rinnovabili e sistemi di regolazione e misurazione. Quest’anno le 400 aziende del settore hanno presentato un gran numero di prodotti innovativi e alcuni per la prima volta, per un’edilizia sempre più efficiente e sostenibile si sono affiancati agli spazi fieristici anche meeting e appuntamenti di grande interesse. Il Convegno internazionale ‘Costruire il futuro’ organizzato in collaborazione con l’Agenzia CasaClima, le visite guidate a edifici certificati CasaClima e il “Klimahouse forum” che ha presentato sul palco le ultime novità per dare l’opportunità di ‘esplorare’ il mondo del costruire sostenibile a 360°. Gli operatori del settore hanno potuto usufruire delle dodici visite guidate a edifici CasaClima; i manufatti sono stati disponibili assieme ai loro utenti finali e ai progettisti per poter prendere visone delle problematiche affrontate e delle innovazioni nella loro soluzione. Le visite agli edifici proposti di tipo residenziale pubblico o commerciale sono stati organizzati da Fiera Bolzano in collaborazione con enertour – TIS innovation park, scelti sia tra esempi di risanamento energetico, sia da edifici costruiti con materiali ecocompatibili. Dalla mattinata dell’inaugurazione la mostra allestita in collaborazione con l’Associazione provinciale degli Artigiani (APA) è stata visitata da un gran numero di tecnici come di utenti finali, la mostra era dedicata agli errori da evitare nella costruzione di una casa. In Piazza Fiera infine sarà presentata ECO BOULEVARD, Mostra fotografica di CaseClima costruite in Italia, curata da Fiera Bolzano in collaborazione con l’Agenzia CasaClima. Un altro convegno internazionale è stato organizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale per l’Isolamento Termico e acustico (ANIT) ed ha affrontato il tema delle tecnologie più all’avanguardia nell’ambito del risparmio energetico e dell’isolamento degli edifici con una fitto numero di incontri.
La Armin Pohle Bauelemente (Apb) ha presentato, la prima persiana avvolgibile che riesce a combinare i vantaggi di una tapparella convenzionale quelli tipici di una veneziana. SI riescono ad ottenere sia un miglior passaggio di aria e luce sia una ottima visibilità e protezione dai raggi solari. Saint-Gobain Glass ha invece presentato il nuovo vetro con l’emissività più ridotta mai ottenuta. Il vetro chiamato SGGPLANITHERM ONE è fabbricato con un procedimento magnetronico su vetro float chiaro (SGGPLANILUX), uno strato di metalli nobili. Mediante questa tecnologia il vetro riflette l’irraggiamento infrarosso limitando la trasmissione di calore interno esterno.Per migliorare la qualità dell’aria la Sigma Coatings ha proposto una pittura antinquinamento, che si avvale dell’innovativa tecnologia fotocatalitica Sigmasoltec ReduNOx. Il sistema sfrutta i raggi solari per decomporre gli agenti inquinanti presenti nell’atmosfera e convertirli in sostanze innocue per l’uomo e per l’ambiente, l’ideale per facciate di case e palazzi ubicati nei congestionati e inquinati centri urbani. SOLIGNO è l’innovativo sistema costruttivo in legno proposto da RUBNER, il sistema risulta al 100% naturale nel campo dei sistemi-parete e sistemi-solaio essendo privo di colle e chiodi anche per edifici di grandi dimensioni. La RUBNER ha presentato anche la porta riscaldante per interni in legno con riscaldamento integrato e piastrelle di maiolica personalizzabili. Particolarmente indicata per case a basso consumo energetico, produce calore ‘sano’ generato da raggi infrarossi. Ideale per edifici residenziali, ElfoFresh2 della CLIVET è un’unità ad alta efficienza che purifica l’aria viziata delle abitazioni mediante filtri elettronici ad alta efficienza attivi su fumi, polveri fini, virus e batteri. Grazie Con un sistema a pompa di calore si riesce ad ottenere il recupero dell’energia contenuta nell’aria espulsa ed elimina le elevate perdite di carico dei sistemi tradizionali. La potenza termica o frigorifera così generata riduce la potenza richiesta al sistema di climatizzazione integrativo e di conseguenza incide positivamente sul costo impiantistico. FINSTRAL ora propone per le porte lo stesso sistema che ha ottenuto un grande successo applicato alle finestre e porte, La finestra accoppiata in PVC ha infatti catturato l’attenzione del mercato negli ultimi anni grazie alla sua funzionalità e alle sue ottime prestazioni tecniche. Il sistema per porte e finestre realizzato interamente in alluminio A78-AV. La Finestral Garantisce un abbattimento dei costi energetici dato da un elevato isolamento termico e acustico mentre la veneziana integrata consente la protezione dai raggi del sole.