• Articolo , 1 febbraio 2011
  • Klimahouse 2011, il punto sulle tecnologie green

  • Ha chiuso domenica i battenti la sesta edizione della fiera dedicata alle energie rinnovabili e all’efficienza energetica

Si è chiuso domenica “Klimahouse”, la fiera dedicata all’efficienza energetica e la sostenibilità in edilizia giunta ormai alla sua sesta edizione. Durante l’inaugurazione ufficiale l’Assessore Provinciale all’Ambiente e all’Energia Michel Laimer ha fornito un quadro delle difficoltà di approvvigionamento energetico del nostro paese affermando che “l’Italia importa oltre il 90% di energia dall’estero e se l’India e la Cina continuano ad andare avanti così avremo al più presto bisogno di dare risposte concrete. Il mondo deve dedicarsi a una sfida enorme per rispondere a questa crisi energetica dal destino sconosciuto. L’Alto Adige come risposta ha introdotto nel 2005 lo standard CasaClima C, oggi il B, per il 2015 è previsto lo standard minimo A e per il 2020 quello Oro”. A conclusione della fiera invece è stato trattato il “clima non solo come tema ecologico ma anche economico” dal Vicepresidente della Giunta Provinciale di Bolzano, Hans Berger il quale ha ricordato come in Alto Adige dal 2002 ad oggi sono stati certificati oltre 2.700 edifici nuovi e 1.500 edifici risanati, inducendo nel settore dell’edilizia un ulteriore valore aggiunto annuo di ben 65 milioni di euro. In tal senso per Berger è necessario cambiare non solo la politica, ma anche la strategia per quel che concerne la gestione delle risorse naturali ed energetiche; l’Alto Adige ha capito l’esigenza del cambiamento già prima di altre regioni d’Italia e dell’Europa e con CasaClima – ha evidenziato il vicepresidente – ha trovato delle soluzioni per garantire un futuro più pulito. La quattro giorni è stata ricchissima di appuntamenti e di informazioni per i visitatori, informazioni acquisite mediante il contatto con gli stand, le mostre allestite dall’Associazione Provinciale degli Artigiani e dall’Agenzia CasaClima, le visite guidate a Casaclima, il Klimahouse Forum dove si è potuto assistere alla presentazione di prodotti fatta direttamente dagli espositori, i seminari e i workshops organizzati da associazioni e da espositori e il Klimahouse Award.
Tra gli elementi centrali il congresso internazionale tenutosi in apertura dal titolo *_‘Costruire con intelligenza’,*_ che ha potuto vantare relatori italiani e nord europei noti nel campo dell’edilizia sostenibile; venerdì invece è stato il turno del congresso *_‘Energia, Clima e Restauro’,_* seguito l’indomani da *_‘Opportunità, Esempi e Tendenze’._* Altra iniziativa interessante tra le tante che son state proposte quella curata dall’Associazione Provinciale degli Artigiani (APA) in collaborazione con Fiera Bolzano ha proposto la mostra _‘La casa perfetta – Gli errori da evitare’:_ forte del successo riscosso la scorsa edizione, l’Associazione ha presentato uno spazio aperto con lo scopo di affrontare con il pubblico i punti chiave in fase di costruzione a cui prestare particolarmente attenzione per non compromettere l’efficienza energetica dell’edificio. Sempre l’APA, ha proposto le _‘officine viventi’,_ composte da 4 laboratori pratici in cui si sono potuti vedere in fase di montaggio (o addirittura partecipare al montaggio stesso) un cappotto termico, una finestra e altri elementi. L’Agenzia CasaClima, in collaborazione con, Fiera Bolzano ha proposto una _‘Trend Gallery’_ che ha trovato posto in Piazza Fiera, l’interessante iniziativa consisteva in una mostra fotografica delle CasaClima costruite in Italia. Presente con i suoi convegni anche l’Associazione Nazionale per l’Isolamento Termico e acustico (ANIT) che ha proposto due incontri dal titolo ‘La correlazione dei requisiti: le novità legislative di termica e acustica in edilizia e il parere dei soggetti coinvolti’, e ‘Nuova Direttiva Europea per l’efficienza energetica degli edifici’.

Evento clou la seconda edizione di *“Klimahouse Marketing Award”* riconoscimento di Klimahouse 2011 per gli espositori che propongono i loro prodotti con un’adeguata e accattivante campagna di marketing, l’award ideato da Fiera Bolzano è organizzata in collaborazione con l’Agenzia CasaClima di Bolzano e suddiviso in due categorie (area espositiva fino a 40m² e oltre 41m²). Il premio è composto da buoni da spendersi in occasione delle prossime edizioni di “Klimahouse”di Bolzano o dell’Umbria. Le 40 aziende partecipanti sono state valutate da una giuria tecnica composta dal direttore Agenzia CasaClima, Norbert Lantschner, dal coordinatore Renertec – TIS Innovation Park, Stefano Dal Savio, da Paul Seeber, titolare Architekturplus di Varna, Oscar Stuffer, studio di architettura Solarraum, dal direttore Fiera Bolzano e dal responsabile servizi commerciali Fiera Bolzano, Reinhold Marsoner e Fabio Da Col.
Sono state, invece, tredici le visite guidate organizzate da Fiera Bolzano Spa in collaborazione con enertour – TIS innovation park per dar modo di osservare da vicino gli edifici CasaClima dell’Alto Adige. Gli stabili proposti erano residenziali, pubblici e anche commerciali, con nuove costruzioni ma anche esempi di risanamento energetico di edifici preesistenti. Molte le novità che si potevano scorgere tra i prodotti proposti, tra le tante la Daikin ha presentato la linea Rotex il marchio della Divisione Riscaldamento di Daikin Air Conditioning Italy che propone un sistema modulare a Inverter in pompa di calore per il riscaldamento centralizzato, la climatizzazione estiva e la produzione di acqua calda sanitaria; una soluzione ad altissima efficienza si presta ad essere usata in combinazione con un impianto fotovoltaico. La Sika ha invece promosso la produzione di Energia dal “Cool Roof”, con i manti impermeabili sintetici e le membrane liquide (LAM) Sika, impermeabili e ad elevata riflettività portano ad una riduzione dei fenomeni di surriscaldamento dei tetti e conseguentemente un risparmio dei costi di raffrescamento delle zone alte dell’edificio. In più se vengono combinati con un sistema fotovoltaico sul tipo del sistema Solyndra in grado di convertire in energia elettrica la luce diretta, quella diffusa e quella riflessa, forniranno un aumento della produttività dell’impianto.
La Velta ha proposto come novità Velta Siccus HD, un sistema di riscaldamento radiante particolarmente indicato nelle ristrutturazioni, leggero e adatto a sottili spessori, grazie ad un particolare massetto a secco composto di lastre in calcio silicato non risente delle temperature anche se elevate. Tutti in positivo infine i numeri di “Klimahouse” che continuano a dimostrare l’ottimo trend di crescita della fiera tanto da aver dovuto dichiarare il tutto esaurito; per dare un po’ di numeri si può dire che dai 23.931 visitatori che hanno affollato i 15.000 m² nel 2006 della fiera si è passati ai 35.753 del 2007 fino ad arrivare ai 38.000 visitatori che hanno fruito di 25.000 m² nella scorsa edizione 2010.