• Articolo , 19 novembre 2008
  • L’Africa si organizza in vista di Copenaghen 2009

  • La Conferenza africana sul clima apre i battenti. Obiettivo: creazione di un fronte unico africano quanto ai cambiamenti climatici da presentare a Copenaghen nel 2009

Si è aperta questa mattina, in presenza di una quarantina di Ministri dell’Ambiente in arrivo da tutto il continente, la Conferenza africana sui cambiamenti climatici di Algeri. L’intenzione degli Stati africani è quello di costituire un fronte unico con il quale presentarsi al summit polacco, ma soprattutto alla Conferenza Mondiale di Copenaghen del 2009. Gli interventi, a conclusione dei quali vi sarà la firma della Dichiarazione di Algeri e la formazione di una ‘piattaforma sul clima’, tratteranno temi quali la ricerca di una una posizione comune africana, il rafforzamento delle capacità del continente africano in materia di protezione ambientale e riduzione delle emissioni di gas serra, ma anche la tutela della biodiversità e delle risorse naturali. Il Ministro algerino dell’Ambiente, Cherif Rahmani, si è espresso sulla strategicità dell’incontro per i Paesi africani, i quali risultano i più esposti ai rischi connessi ai cambiamenti climatici.