• Articolo , 20 ottobre 2008
  • L’auto elettrica è pronta ad invadere Madrid

  • Veicoli elettrici motore della prossima rivoluzione industriale: è la ferma convinzione del ministro dell’Industria Miguel Sebastian e il futuro prossimo della penisola Iberica

L’ambizioso piano di mobilità sostenibile era già stato annunciato dal ministro dell’Industria Miguel Sebastian questa estate: un milione di auto elettriche sulle strade spagnole entro il 2011. Dal dicastero arriva oggi la notizia dell’accordo con la casa francese Renault per un progetto congiunto. L’obiettivo è creare insieme un gruppo di lavoro entro febbraio che metta a punto un piano a medio-lungo termine per lo sviluppo dell’auto elettrica in Spagna. Come spiegato dal ministro, gli stessi produttori elettrici nazionali hanno mostrato un forte interesse per il progetto e si dimostrerebbe un’ottima strategia per un paese che ha visto crollare il mercato auto del 32% soltanto nel mese di settembre. L’accordo è solo uno degli interventi governativi sulla mobilità sostenibile con cui Madrid mira a risparmiare 5,8-6.4 milioni di tonnellate di petrolio nei prossimi tre anni. Dal canto suo il produttore francese scalda già i motori, pronto a fare il suo ingresso non solo nella penisola Iberica (Portogallo compreso) ma anche in Danimarca ed Israele, con una flotta di veicoli, a suo dire, le emissioni di CO2 non sarebbero superiori 60g/km (tenendo conto anche del biossido di carbonio prodotto per caricare la batteria) contro la media di 158g/km delle case automobilistiche europee.