• Articolo , 24 marzo 2011
  • L’energia eolica? La si ruba con il treno

  • Recuperare l’energia del vento generato dal passaggio dei convogli ad alta velocità. Questa l’idea dei designer Qian Jiang e Alessandro Leonetti Luparini

(Rinnovabili.it) – Si inserisce a pieno titolo nel filone dei progetti pensati per recuperare l’energia di scarto, T-box, il dispositivo disegnato dai giovani designer Qian Jiang e Alessandro Leonetti Luparini per catturare l’energia del vento generata da un treno. Il dispositivo in questione è stato progettato per integrarsi con le traversine dei binari ferroviari. Al suo interno sono contenuti tutti i componenti meccanici necessari per lo sfruttamento, la conservazione e il rilascio dell’energia eolica. L’elettricità, così generata potrebbe poi esser destinata alla rete pubblica lungo la ferrovia o alle aree remote dove le infrastrutture elettriche sono ancora assenti. Per montare il T-box sulle rotaie, spiegano i designer, deve però essere effettuato un lavoro a monte delle stesse realizzando delle cavità di cemento tra ciascuna traversa nelle quali inserire il dispositivo. Secondo le prime stime riportate da Jiang e Leonetti un binario di un km potrebbe contenere150 T-box e con un treno in movimento a una velocità di 200 km/h si otterrebbero in 18 secondi 2,6 kWh.