• Articolo , 4 giugno 2008
  • L’energia geotermica convince anche la Germania

  • Dopo sole, vento e acqua anche la terra entra nel poker delle fonti rinnovabili tedesche

La geotermia sta riscuotendo un vero successo in Germania. Dopo l’introduzione della legge, all’inizio del 2008, che stabilisce 0,15 euro a kWh per l’energia elettrica prodotta da fonti geotermiche, il Paese ha riscoperto una vera passione per questa fonte rinnovabile fino ad oggi ancora poco sviluppata, innescando un vero e proprio boom nella realizzazione di tali impianti. Il potenziale per questa tecnologia è altissimo: secondo Werner Bussmann, amministratore delegato dell’associazione tedesca per la geotermia Geothermische Vereinigung, la geotermia potrebbe rifornire elettricamente il paese in quantità 600 volte maggiori rispetto alla domanda. Le previsioni sono rosee e lo stesso Bussmann prevede che la Nazione possa produrre migliaia di MW nel giro di un paio di decenni, grazie anche alle nuove tecnologie. Ad oggi sono state rese attive già quattro piccole centrali geotermiche che operano con successo, benché forniscano un piccolo quantitativo energetico. Le migliori opportunità si trovano nel sud della Baviera dove le temperature dei liquidi sotterranei raggiungono i 140°C.