• Articolo , 30 luglio 2010
  • L’eolico, l’Authority e l’Indice di Affidabilità

  • Con la deliberazione ARG/elt 112/10, l’Aeeg ha definito le condizioni per il dispacciamento nel caso di unità di produzione alimentate da fonti rinnovabili non programmabili con riferimento alla definizione dell’Indice di Affidabilità

(Rinnovabili.it) – L’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha pubblicato oggi sul suo sito la delibera del 26 luglio 2010 (“ARG/elt 112/10”:http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/10/112-10arg.pdf) recante la definizione dell’_Indice di Affidabilità “IA”,_ necessario ai fini del calcolo della mancata produzione eolica.
A partire dal 2010 infatti per quantificare un calo produttivo non si fa più riferimento alla produzione storica (come avveniva fino alla fine del 2009) bensì alle stime elaborate dal GSE sulla base dei dati effettivi di vento, misurati in sito, nelle ore in cui viene richiesta la riduzione di produzione e utilizzando un modello che simula il funzionamento degli stessi impianti di produzione eolica. La formula include il sopracitato _Indice di affidabilità_, ossia un indicatore finalizzato ad individuare il grado di affidabilità dell’utente del dispacciamento, in relazione ad una data unità di produzione, nel rispettare gli ordini di dispacciamento impartiti da Terna.
Tale indicatore può assumere valori compresi fra 0 (nel caso di mancato rispetto di tutti gli ordini di dispacciamento) e 1 (nel caso di pieno rispetto di tutti gli ordini di dispacciamento) ed è calcolato dalla stessa Terna. Ai fini della stima non vengono considerate le limitazioni di produzione dovute ad interventi di dispositivi automatici o di protezione attivati dal gestore della rete per garantire l’esercizio in sicurezza del dispacciamento.
“Per ogni unità di produzione eolica – si legge infine nella delibera – e per ogni ordine di dispacciamento inviato, Terna calcola il valore dell’indice IA e lo trasmette al GSE”.