• Articolo , 1 luglio 2010
  • L’esperienza di ITABIA: per un corretto approccio alle bioenergie

  • Nell’incontro di studio, organizzato da ITABIA con il supporto di ENEA, si parlerà delle realtà virtuose nel settore delle bioenergie nel nostro paese.

(Rinnovabili.it) – Compie 25 anni l’Italian Biomass Association (ITABIA), l’associazione che dalla sua fondazione si è occupata di promuovere le bioenergie come fonte rinnovabile di “buona qualità”. In un contesto in cui i Soci fondatori si trovarono ad essere dei pionieri di settore, attualmente si può dire che sono stati fatti passi da gigante a proposito di bioenergie, un percorso lungo e tortuoso che ha portato ad ottimi risultati. Ma affinché la strada fatta non sia stata percorsa invano, occorre che vengano seguite precise linee guida per non correre il rischio di “perdersi in una molteplicità di opzioni e di interessi contrastanti”. A tal proposito ITABIA ha organizzato, in collaborazione con ENEA, Bono Sistemi, CTI, CRPA, CNR e UNACOMA, un incontro di studio, aggiornamento e approfondimento per la diffusione delle buone pratiche per un approccio corretto alla filiera delle bioenergie. Nel corso del meeting, che si terrà venerdì 2 luglio nella sala conferenze dell’ENEA, gli operatori di settore metteranno la loro esperienza a disposizione dei partecipanti, si parlerà quindi di olio vegetale come biocarburante, di biogas, di teleriscaldamento a biomasse nonché della parte costituzionale e burocratica di interesse. Oltre ad imprenditori parteciperanno al convegno il Presidente del FIPER e alcuni Rappresentanti del Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico.