• Articolo , 14 ottobre 2010
  • La Cina scala la vetta delle nazioni con più investimenti energetici

  • Secondo un report pubblicato oggi da EC Harris la Cina sarebbe salita al quarto posto a livello mondiale per investimenti sul mercato energetico interno. Buono l’andamento in particolare degli investimenti nelle rinnovabili: il Paese si conferma il primo al mondo

(Rinnovabili.it) – Record su record la Cina ha dimostrato di essere una delle nazioni al mondo non solo capace di “attrarre investimenti”:http://www.rinnovabili.it/la-cina-sorpassa-gli-usa-e-diventa-meta-preferita-per-gli-investitori-verdi595736 anche nel comparto delle rinnovabili, ma soprattutto di essere in grado di imporsi sul panorama mondiale in termini di investimenti energetici complessivi. Un mercato, quello delle fonti fossili, del nucleare ma anche e soprattutto della produzione di energia da fonti non inquinanti, che sta facendo registrare in Cina un ottimo trend di crescita e sta proponendo al mondo l’immagine del paese come uno dei più grandi competitor su scala globale.
A fotografare questa rapida ascesa degli investimenti energetici cinesi, rispetto al resto del mondo, è stata “l’indagine”:http://www.echarris.com/reference/news/chinas_investment_hot_spot.aspx pubblicata dal Built Asset Consultancy, EC Harris. Complici l’aumento esponenziale della domanda interna di energia e il piano di finanziamenti stabiliti dal governo, la Cina, secondo il report, si collocherebbe al quarto posto su dieci a livello mondiale, nella “classifica”:http://www.echarris.com/images/International%20Energy%20Investment%20Table,%20Oct%2010.jpg che rende conto delle singole politiche energetiche in ogni nazione in materia di combustibili fossili e energie rinnovabili (nel ranking ha infatti totalizzato rispettivamente 70.2 e 75.6 punti su 100). In particolare, in termini di politica energetica “rinnovabile”, la nazione si è collocata subito dietro a tre grandi investitori in questo comparto come la Germania, la Francia e gli Stati Uniti che hanno avuto un punteggio rispettivamente pari a 93.8, 85.6 e 76.2.
Secondo l’indagine condotta da EC Harris la Cina ha conquistato il primo posto al mondo come nazione che investe la quota maggiore di capitali in progetti per la produzione di energia da fonte rinnovabile, dal momento che si stima siano stati investiti in questo comparto solo tra il 2007 e il 2010 tra i 120 e i 160 miliardi di dollari. Una crescita che è stata particolarmente significativa in un settore specifico delle rinnovabili cinesi, l’eolico, che ha fatto registrare una crescita massiccia nella nuova capacità istallata, in particolare nel nord del Paese dove è cresciuta di circa 40 volte dal 2005. Buona è però anche la previsione sul rendimento degli impianti fotovoltaici istallati nelle zone rurali che dovrebbero crescere del 20-25% all’anno. I confronti tra le varie nazioni sono stati condotti prendendo in considerazione fattori determinanti che includono anche le politiche governative e gli incentivi, ma anche l’ambiente di mercato, le previsioni di crescita del Pil, gli investimenti esteri e i consumi elettrici.