• Articolo , 15 settembre 2008
  • La Cina verso una tassa ambientale?

  • Pechino affida ad un team interministeriale il compito di studiare un sistema di tassazione nazionale per i grandi inquinatori ed uno schema di commercio delle emissioni

Stando a quanto riporta il quotidiano China Daily la Cina starebbe attualmente vagliando la possibilità di imporre una tassa ambientale agli “inquinatori” in maniera tale da ridurre le loro emissioni. Le parole riportate sono quelle di Pan Yue, vice ministro della Protezione Ambientale, secondo cui diverse agenzie governative starebbero organizzando una squadra inter-ministeriale e riunendo esperti al fine elaborare un progetto di ricerca in materia. Nessun dettaglio in merito alla proposta né i tempi in cui sarà resa effettiva, ma il vice ministro ha affermato che al team sarà anche affidato il compito di studiare le questioni di risarcimento per danni ambientali e la messa a punto di un sistema di commercio per le emissioni. Per affrontare la sfida “verde”, il Ministero ha anche lavorato con banche, assicuratori e autorità del mondo commerciale per mettere a fuoco politiche che accelerino la crescita di imprese e industrie “pulite”, bandendo o scoraggiando coloro che consumano più energia o che rilasciano più inquinanti.