• Articolo , 10 dicembre 2007
  • La Commissione europea abbassa gli incentivi per gli eco-carburanti

  • Superata la soglia dei 2 mln di ettari che consentiva di beneficiare degli aiuti speciali per le colture energetiche, la Commissione europea ha deciso di diminuire le superfici e sta valutando la possibilità o meno di mantenere gli incentivi. Il Fischer Boel, ovvero l’aiuto di 45 euro per ettaro introdotto nel 2003, era nato appunto […]

Superata la soglia dei 2 mln di ettari che consentiva di beneficiare degli aiuti speciali per le colture energetiche, la Commissione europea ha deciso di diminuire le superfici e sta valutando la possibilità o meno di mantenere gli incentivi. Il Fischer Boel, ovvero l’aiuto di 45 euro per ettaro introdotto nel 2003, era nato appunto come incentivo per gli agricoltori che decidevano di sfruttare le biomasse al fine di produrre biocarburanti, energia elettrica e termica. Quest’anno è stato necessario introdurre un coefficiente riduttivo perché si è superata la soglia, ma nello stesso tempo 10 nuovi paesi membri sono stati ammessi a beneficiare dell’aiuto in parola, facendo passare da 1,5 a 2 milioni gli ettari messi a disposizione. Secondo Mariann Fischer Boel, commissaria europea per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, il problema ora risiede nell’aver avviato in questi anni un mercato che è in pieno sviluppo e nel dover applicare un obiettivo vincolante per i biocarburanti perché le superfici sono cresciute a dismisura. (fonte Ansa)