• Articolo , 20 settembre 2011
  • La Commissione pubblica la road map per il green future

  • Promuovere l’uso efficiente delle risorse per un futuro basato su un’economia sostenibile e in grado di garantire benessere e prosperità attraverso la redazione di una road map in grado di guidare il continente verso il 2050

(Rinnovabili.it) – La Commissione europea ha voluto ribadire un obiettivo decisivo per il futuro del continente: una crescita economia fondata sull’utilizzo razionale delle risorse. A tal fine è stata pubblicata stamane una vera e propria “tabella di marcia”:http://ec.europa.eu/environment/resource_efficiency/index_en.htm con lo scopo di rendere sostenibile l’economia europea entro il 2050. Individuando i settori economici a maggior consumo di energia e risorse la road map servirà ad evidenziare le aree critiche per poi stabilire politiche e strategie volte a mantenere intatte benessere e prosperità per un futuro sicuro.
Il piano redatto, oltre a fondarsi su un uso razionale delle risorse prevede la creazione di imprese green in grado di fornire al comparto un maggior numero di posti di lavoro nel riciclaggio, nella progettazione avanzata di prodotti, nella sostituzione di materiali e nell’ingegneria ambientale.

Il commissario per l’Ambiente Janez Potočnik ha dichiarato in proposito: “La crescita ecocompatibile è l’unica forma di futuro sostenibile, per l’Europa e per il mondo intero. L’industria e l’ambiente devono andare di pari passo, perché nel lungo periodo gli interessi di chi opera in questi due campi sono gli stessi.”
La domanda di prodotti aumenta e di conseguenza si intensifica la pressione sull’ambiente e sulle risorse, che vengono utilizzate come fossero beni inesauribili danneggiando la sicurezza economica futura in maniera a volte irreversibile. In questo senso la tabella di marcia indica i mezzi e le metodologie più adatte per aumentare il benessere e i flussi economici mantenendo intatti gli equilibri ambientali. Tra i tanti suggerimenti trasformare la produzione e i consumi della popolazione attraverso la promozione di stili di vita sostenibili, la promozione dell’innovazione a basso impatto ambientale, nuove tasse sulla produzione di inquinamento i modo da scoraggiare le attività insostenibili oltre all’adeguamento dei prezzi in modo che rispecchino l’impiego di risorse preziose.
Oltre alla road map la Commissione europea ha annunciato che entro il 2013 saranno elaborati nuovi indicatori di mercato e nuovi obiettivi che offriranno trasparenza dei processi in modo da rendere il passaggio alla green economy il più semplice possibile coinvolgendo decisori politici, esperti, ONG, imprese e consumatori.