• Articolo , 22 gennaio 2008
  • La crescita dell’economia sostenibile

  • L’ultimo rapporto del WorldWatch Institute conferma la continua ascesa dell’economia a basso contenuto di CO2. Se il trend continuasse, potrebbe davvero cambiare il mondo

A sentire WorldWatch Institute, uno dei più autorevoli centri di studi interdisciplinari sui trend ambientali, l’economia sostenibile è in crescita. La notizia è stata messa in evidenza dal Rapporto State of the World 2008, dedicato proprio all’economia a basso contenuto di CO2. Il rapporto descrive una serie di nuove opportunità economiche del business dell’energia “verde” che stanno attraendo forti investimenti, soprattutto sotto la spinta dell’emergenza climatica, calcolando che nel 2007 sono stati investiti 66 miliardi di dollari nelle energie rinnovabili e nei biocarburanti, un considerevole 33% in più rispetto al 2006 (52 miliardi di dollari) per un green business che è diventato il terzo settore più finanziato dopo il digitale e le biotecnologie. Anche il commercio delle emissioni di carbonio è in crescita raggiungendo, secondo le stime di State of the World 2008, 30 miliardi di dollari nel 2006, quasi il triplo della quantità commercializzata nel 2005. Ci sono aziende che stanno rivoluzionando la produzione industriale ottenendo anche dei risparmi. Un esempio per tutti, il gigante chimico DuPont, che ha ridotto nel 2007 le sue emissioni di gas serra del 72% rispetto ai livelli del 1991, risparmiando 3 miliardi di dollari nel processo di produzione. Secondo il Worldwatch questo è solo il primo gradino per ottenere economia sostenibile globale, ma non si ha alcuna garanzia di andare avanti finchè non verrà superato lo scoglio del consumismo. (fonte Worldwatch.org)