• Articolo , 21 aprile 2010
  • La Finlandia è pronta a dare nuovo respiro alle rinnovabili

  • Helsinki scalda i motori ma lo fa con l’energia verde, annunciando un mega piano di sostegni economici a favore delle fonti alternative

(Rinnovabili.it) – La Finlandia prepara il terreno per fare centro entro i tempi stabiliti negli obiettivi climatici dell’Unione Europea. Per soddisfare i requisiti sul taglio delle emissioni e sulla quota delle energie verdi richiesta al 2020 da Bruxelles ha predisposto un massiccio piano di sviluppo tutto all’insegna delle rinnovabili. Ne fornisce i particolari il primo ministro Matti Vanhanen annunciando i progetti in cantiere e le mete che Helsinki intende realizzare nell’arco di un decennio, per un incremento nella produzione verde equiparabile a quello di tre grandi centrali nucleari.
Non si tratta di uno stop all’energia dell’atomo, che è stato già peraltro incluso nei piani del futuro mix elettrico, bensì, come spiega lo stesso “in termini di scala, una soluzione molto ampia”. Mentre infatti si attende la ratifica da parte del Parlamento finlandese in merito alle utilities a cui assegnare le tre licenze per nuove centrali atomiche, la nazione fa il punto della situazione su come raggiungere i 38 TWh da fonti rinnovabili, corrispondente a quel 38% ‘green’ assegnatogli nel consumo di energia entro il 2020.
Il piano governativo prevede un pacchetto di sostegni finanziari, circa 327 milioni di euro, traducibili in eco-incentivi e agevolazioni fiscali, destinati in particolar modo ai comparti della biomassa e dell’eolico. Inclusi nel piano anche i biocarburanti e le pompe di calore.
Uno sforzo che, accanto alle ricadute positive in termini occupazionali, dovrebbe portare in dieci anni a sette milioni di tonnellate in meno nelle emissioni annuali di biossido di carbonio.