• Articolo , 10 settembre 2009
  • La Germania promette 1 mln di auto elettriche entro il 2020

  • Istituita dal governo una nuova agenzia che coordinerà il lavoro di ricercatori ed esperti del settore automobilistico, con il fine di studiare nuovi sistemi di accumulo energetico, infrastrutture di ricarica e modalità per sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dei veicoli elettrici

(Rinnovabili.it) – L’obiettivo è stato fissato ad agosto nel ‘Piano di Sviluppo dell’Elettromobilità’: poter vedere un milione di veicoli elettrici sulle strade della Germania entro il 2020.
L’industria automobilistica tedesca si allinea dunque con l’evoluzione della mobilità globale recuperando il ritardo rispetto alla concorrenza, in particolare il Giappone, e lo fa puntando in alto, come giustamente ci si può aspettare da una nazione tra le prime ad aver sviluppato i motori ibridi.
Il programma messo in campo da Berlino prevede una spesa tra i 200 e i 500 milioni di euro da destinare al campo di Ricerca e Sviluppo con l’obiettivo principe di intensificare la messa a punto di batterie agli ioni di litio e delle infrastrutture di ricarica. Elemento centrale nel concetto di infrastrutture sarà il legame con le energie verdi. “Solo la disponibilità di rinnovabili renderà le automobili elettriche veicoli ad emissioni zero”, ha detto il ministero dell’Economia in un comunicato stampa.
Per accelerarne il ritmo il governo tedesco ha istituito ufficialmente ieri, una nuova agenzia ad hoc che coordinerà gli sforzi di 30 diversi istituti di ricerca e riunirà rappresentanti della politica, dell’economia e dell’industria in modo da poter concordare strategie comuni per “l’elettromobilità”.
Un altro punto caldo del piano tedesco è rappresentato dall’offerta di incentivi finanziari per i primi 100,000 acquirenti di auto elettriche fino al 2012, nell’assoluta convinzione che l’auto elettrica abbia il potenziale per centrare più facilmente il bersaglio di un meno 40 per cento nelle emissioni di gas a effetto serra entro il 2020.