• Articolo , 17 febbraio 2010
  • La prima joint venture Emirati-Egitto sull’energia eolica

  • Masdar Abu Dhabi sta ultimando i piani per la costruzione di una wind farm da 200 MW in Egitto, parte del piano della Nazione africana per raggiungere il 20% dell’energia del Paese da fonti rinnovabili entro il 2020

(Rinnovabili.it) – Nel 2008 il governo egiziano ha annunciato l’obiettivo nazionale 2020 sulle energie rinnovabili che include un target del 12% per l’energia eolica, equivalente secondo le stime di Il Cairo a 7,2 GW di impianti.
Il paese dispone attualmente di 430 MW di capacità eolica installata (dati del Global Wind Energy Council) e per puntare dritto alla meta l’Egitto ha dato il via ad una serie di progetti lungo la costa orientale del Mar Rosso atti a sfruttare l’ottimo potenziale; al pari delle favorevoli condizioni di irraggiamento il Paese vanta infatti venti forti e costanti in particolare nell’area costiera. Alle centrali eoliche di Zafarana e Hurghada si aggiungerà quella da 200 MW proveniente dall’intesa con il Masdar Abu Dhabi. “Domani sigleremo ufficialmente un accordo per stabilire la prima joint venture Emirati-Egitto”, ha dichiarato Aktham Aboul Ela, un alto funzionario del Ministero dell’Elettricità e dell’Energia che non ha fatto, però, trapelare nessuna informazione sull’investimento richiesto.
Per uno Stato produttore di petrolio e gas si tratta di mossa importante, capace di incrementare la capacità eolica nazionale odierna di quasi il 50 per cento, secondo il ministero egiziano.