• Articolo , 27 settembre 2010
  • La Provincia aderisce al Patto dei sindaci sull’Energia

  • Un impegno concreto per la difesa del pianeta dalle emissioni responsabili dell’effetto serra: la Provincia di Grosseto ha aderito al Patto dei Sindaci sull’Energia. Sabato 25 settembre, Marco Sabatini, vicepresidente della Provincia con delega alle Energie rinnovabili e al Governo del Territorio e Tiziano Baldanzi, presidente della Commissione consiliare Ambiente, hanno sottoscritto il documentoa Palmaria, […]

Un impegno concreto per la difesa del pianeta dalle emissioni responsabili dell’effetto serra: la Provincia di Grosseto ha aderito al Patto dei Sindaci sull’Energia. Sabato 25 settembre, Marco Sabatini, vicepresidente della Provincia con delega alle Energie rinnovabili e al Governo del Territorio e Tiziano Baldanzi, presidente della Commissione consiliare Ambiente, hanno sottoscritto il documentoa Palmaria, in provincia della Spezia, nell’ambito della conferenza internazionale sull’Ambiente.
“Aderire al Patto dei sindaci -sottolinea Marco Sabatini – non è solo una scelta dal grande valore simbolico, ma soprattutto un impegno concreto contro il riscaldamento globale. Significa aderire ad una intelligente iniziativa lanciata nel 2008 dalla Commissione Europea per raggiungere e superare gli obiettivi energetici fissati dall’Unione europea nel 2020, con il coinvolgimento attivo di Enti locali e cittadini”.
Il Patto prevede che i Comuni firmatari si impegnino a realizzare un inventario base delle emissioni nel loro territorio e un piano di azione, che deve essere consegnato al Segretariato del Patto entro un anno dalla firma del documento. Il Piano contiene le politiche generali e le misure da applicare a livello locale, con il coinvogimento della società civile, per ridurre le emissioni di CO2 di oltre il 20% entro il 2020.
Alle Province che sottoscrivono il Patto viene chiesto di agire come strutture di coordinamento e supporto ai Comuni più piccoli che per dimensioni non hanno le risorse per redigere il piano di azione e monitorare la sua applicazione nel tempo.
“Nel nostro territorio – spiega Marco Sabatini – sono due le amministrazioni comunali che hanno già sottoscritto il Patto: Monterotondo Marittimo e Scansano. L’impegno della Provincia di Grosseto è quello di cercare il massimo coinvolgimento degli altri Comuni continuando a svolgere un ruolo di coordinamento e di assistenza per favorire lo sviluppo della produzione energetica da fonti rinnovabili. Un percorso virtuoso nel quale ci stiamo già distinguendo per le scelte e i risultati raggiunti: basti pensare che i 50 megawatt autorizzati in provincia di Grosseto, di cui la metà provenienti da fotovoltaico, e il resto dall’eolico e dalle biomasse, consentono una riduzione di CO2 in atmosfera pari a 31850 tonnellate all’anno. Con ogni megawatt si possono soddisfare i fabbisogni energetici di 300 famiglie, significa che con 50 megawatt si soddisfano i consumi di oltre 15mila famiglie, circa 40/50mila persone. Per non parlare della geotermia con la quale mandiamo avanti un bel pezzo di Toscana. E’ quindi davvero interessante il contributo che il nostro territorio può dare in termini energetici e di buone pratiche per la lotta contro i cambiamenti climatici.”