• Articolo , 16 settembre 2010
  • La Provincia di Roma aderisce alla Settimana Europea della Mobilità

  • La Provincia di Roma ha presentato “European Mobility Week 2010”, la Settimana Europea della Mobilità che si svolge dal 16 al 22 settembre. L’Amministrazione provinciale aderisce per il terzo anno consecutivo all’evento promosso dalla Commissione Europea e organizzato dal Consorzio di Associazioni Eurocities, Energie-Cités e Climate Alliance, che ha come obiettivo la programmazione di eventi […]

La Provincia di Roma ha presentato “European Mobility Week 2010”, la Settimana Europea della Mobilità che si svolge dal 16 al 22 settembre.

L’Amministrazione provinciale aderisce per il terzo anno consecutivo all’evento promosso dalla Commissione Europea e organizzato dal Consorzio di Associazioni Eurocities, Energie-Cités e Climate Alliance, che ha come obiettivo la programmazione di eventi dedicati alla promozione della mobilità sostenibile.

Per conoscere meglio l’iniziativa http://mobilityweek.eu .

La Settimana Europea della Mobilità si inserisce in un più ampio quadro di ridefinizione dell’offerta da parte della Provincia per migliorare il sistema di mobilità sul territorio, attraverso iniziative concrete.

Nell’ambito della ‘Settimana’ attraverso diverse proposte, la Provincia di Roma promuoverà interventi per l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico, per migliorare la qualità della vita nei centri storici, presenterà uno studio del Mobility Manager per migliorare gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti comunali del territorio e il Bando rivolto ai comuni per il finanziamento e l’acquisto di bici elettriche con relative colonnine di ricarica.

“L’adesione di quest’anno – ha dichiarato l’assessore alle Politiche della Mobilità e Trasporti, Amalia Colaceci – vuole essere allo stesso tempo di testimonianza e di protesta, soprattutto alla luce dei tagli al trasporto pubblico da parte del Governo, che vanno in senso nettamente contrario al messaggio di promozione della mobilità sostenibile trasmesso da questo evento”.

“L’Italia – ha aggiunto la Colaceci – da tempo non investe sul trasporto pubblico o su sistemi alternativi di trasporto che, non gravando sulle tasche dei pendolari, permettano loro di godere di una più alta qualità della vita, fondamentale in un periodo di stress sociale come quello che stiamo vivendo”.

“Si tratta – conclude l’assessore Colaceci – da parte nostra, di scelte coerenti con le azioni intraprese negli anni ma anche dal forte tratto simbolico nei confronti di un Governo le cui azioni avranno gravi ripercussioni sulle condizioni di trasporto dei pendolari della provincia e dell’intera regione del Lazio”