• Articolo , 18 novembre 2008
  • La pubblicità a Times Square si fa eco-sostenibile

  • Prevista per il 4 dicembre l’accensione della prima insegna pubblicitaria alimentata totalmente da fonti rinnovabili quali il sole e il vento a Times Square, luogo simbolo dello spreco energetico

Si accende la prima insegna pubblicitaria che sfrutta energia pulita a Times Square tra la settima e la quarantaduesima strada, permettendo alla centralissima piazza di New York, illuminata giorno e notte e considerata dai più come simbolo dello spreco energetico, di muovere i primi passi verso l’eco-sostenibilità. L’idea è venuta a Ron Potesky, senior marketing e vice presidente della Ricoh Americas Corporation, una delle più grandi aziende d’informatica al mondo, e vedrà la luce, nel vero senso della parola, il 4 dicembre 2008. Il progetto, costato alla Ricoh circa 3 milioni di dollari, consiste in un enorme pannello luminoso di circa 16 tonnellate alimentato esclusivamente da 64 pannelli fotovoltaici e 16 turbine eoliche, e dimensionato in modo tale da generare 16.3 kW di potenza. Il costo di gestione di questa ‘illuminazione ecologica’ si aggirerà intorno ai 200 mila dollari al mese, che sebbene rappresentino una cifra notevole, sono comunque meno di quanto si spende attualmente per l’illuminazione dell’insegna. Con questo progetto la compagnia vuole rinnovare il messaggio che le risorse e l’energia possono essere sfruttate anche in modo creativo. Tuttavia, qualora mancassero vento e sole, l’insegna rischia di rimanere spenta in quanto non è stata fornita di un sistema ausiliario di illuminazione tradizionale, rappresentanto così un importante limite; in ogni caso il beneficio ambientale in materia di risparmio di emissioni di CO2 risulta rilevante ed è circa pari a 18 tonnellate annue.