• Articolo , 10 aprile 2008
  • La tutela ambientale spicca il “volo”

  • Dieci compagnie aeree si stanno impegnando per ridurre l’impatto delle proprie attività sull’ambiente

Secondo quanto riportato da uno studio dell’Unep, l’agenzia per l’ambiente dell’Onu, i sedicimila aerei commerciali in volo nel mondo emettono ben 600 milioni di tonnellate metriche di anidride carbonica l’anno e queste emissioni sono “via via più abbondanti e rapide”. Ma c’è chi incomincia a prendere i primi provvedimenti: le dieci compagnie aeree appartenenti all’alleanza oneworld – American Airlines, British Airways, Cathay Pacific, Finnair, Iberia, Lan, Qantas, Japan Airlines, Malév Hungarian Airlines and Royal Jordanian – hanno intrapreso un programma per ridurre l’impatto ambientale delle proprie attività. Grazie a un investimento complessivo di 130 miliardi di dollari stanno, infatti, modernizzando le proprie flotte con l’integrazione di 1200 aerei di ultima generazione, più silenziosi e a consumi ridotti, impegnandosi contemporaneamente, su più livelli, ad incrementare l’efficienza dei propri consumi del 25% entro il 2025, riducendo al contempo l’inquinamento acustico. Ciascuna compagnia aerea ha adottato delle personali misure di sostenibilità ambientale che comprendono iniziative come la riduzione del peso degli aerei, la possibilità per i passeggeri di compensare la quota di gas serra prodotta con i voli attraverso il versamento di una quota simbolica (a favore di programmi di abbattimento delle emissioni stesse) o l’installazione di turbine eoliche per l’illuminazione degli uffici ed il riciclo e recupero dei rifiuti di bordo.