• Articolo , 13 novembre 2009
  • L’Amazzonia riprende a respirare?

  • La deforestazione della foresta amazzonica ha avuto un calo del 45%. Il risultato ha dato al governo brasiliano il giusto ottimismo per procedere con decisione verso Copenhagen

(Rinnovabili.it) – Secondo gli ultimi dati raccolti tra il luglio 2008 e l’agosto 2009 la situazione della foresta amazzonica sembrerebbe essere migliorata: sono stati distrutti circa 7000 kmq, ossia il 45% in meno rispetto alla media registrata.
Il governo, a meno di un mese dal vertice di Copenhagen, si è dichiarato molto soddisfatto: l’agenzia spaziale brasiliana, in grado di monitorare la foresta dall’alto, ha confermato la riduzione dell’abbattimento.
Il presidente Luiz Inácio Lula da Silva, visti i risultati dell’indagine, si è detto ottimista circa il raggiungimento degli obiettivi di salvaguardia dell’ambiente, sottolineando la difficoltà e l’impegno necessari alla lotta affinché la lotta al cambiamento climatico risulti efficace.
A Copenhagen il Brasile presenterà i dati come un grande successo ottenuto nella fondamentale politica di arresto dell’innalzamento della temperatura globale proponendo un taglio dell’80% della deforestazione che punti al raggiungimento dell’obiettivo entro il 2020.