• Articolo , 9 marzo 2009
  • L’Archeoclub d’Italia contrario al nuovo parco eolico di Morcone:

  • L’Archeoclub d’Italia esprime perplessità sul progetto di parco eolico che prevede la costruzione di un impianto di 32 generatori nel territorio di Morcone e al confine con Pontelandolfo e Cerreto Sannita. Secondo l’associazione, la realizzazione dell’intervento “comporterebbe il totale sconvolgimento del paesaggio montano storico in una località percorsa dall’antica viabilità storica medievale di collegamento Morcone […]

L’Archeoclub d’Italia esprime perplessità sul progetto di parco eolico che prevede la costruzione di un impianto di 32 generatori nel territorio di Morcone e al confine con Pontelandolfo e Cerreto Sannita. Secondo l’associazione, la realizzazione dell’intervento “comporterebbe il totale sconvolgimento del paesaggio montano storico in una località percorsa dall’antica viabilità storica medievale di collegamento Morcone – Napoli attraverso Cerreto Sannita, che passa proprio sul crinale interessato alle torri eoliche”.
Archeoclub d’Italia ricorda che “la tutela dei beni culturali, storici e del paesaggio, fulcro delle dinamiche di sviluppo economico di ogni territorio, è valore, interesse e fattore strategico per il sistema Sannio; sottolinea la consonanza della propria posizione con quelle del Comitato Nazionale per la Tutela del Paesaggio, di Italia Nostra e di numerose altre associazioni”.
Invita, pertanto, “gli amministratori di Morcone, Pontelandolfo, Cerreto Sannita e di tutti i Comuni direttamente o indirettamente interessati, la Provincia di Benevento, le rappresentanze istituzionali, gli Organi di tutela e la popolazione a contrastare tale realizzazione”.