• Articolo , 18 luglio 2008
  • L’assemblea dei Verdi per un nuovo partito

  • Il rilancio politico e delle attività i temi del congresso che si è aperto oggi a Chianciano, in cui si stabilirà la nuova linea politica del partito

Ormai è scontata sia la fine dell’esperienza della sinistra arcobaleno che la riconquista dell’autonomia. Da queste due priorità i Verdi italiani ricominiciano a ripensare da oggi a domenica al partito e alle sue strategie.
Al PalaMontepaschi per la ventinovesima assemblea nazionale del “Sole che ride” dovrà approvare delle modifiche allo statuto, in modo da poter l’elezione di un portavoce e un coordinamento per un anno. Il nuovo portavoce dei Verdi potrebbe essere molto probabilmente Grazia Francescato, che, con la mozione “uno”, appoggiata tra gli altri da Paolo Cento e da Angelo Bonelli, è accreditata di un 50-60% dei delegati. Ma oltre a questa, sono state presentate altre cinque mozioni, la principale delle quali è la “due”, proposta da Marco Boato, che chiede una definitiva rottura con la classe dirigente che ha guidato i Verdi alle ultime elezioni.