• Articolo , 18 aprile 2010
  • Lazio: ok a Protocollo Itaca per un edilizia sostenibile certificata

  • La Giunta Regionale del Lazio ha approvato il Protocollo ITACA LAZIO 2009 per gli edifici residenziali e non residenziali e adottato il Regolamento Regionale recante “Sistema per la Certificazione della sostenibilità ambientale degli interventi di bioedilizia e l’accreditamento dei soggetti certificatori”. Con la Delibera del 5 marzo 2010 la Regione dà dunque attuazione a quanto […]

La Giunta Regionale del Lazio ha approvato il Protocollo ITACA LAZIO 2009 per gli edifici residenziali e non residenziali e adottato il Regolamento Regionale recante “Sistema per la Certificazione della sostenibilità ambientale degli interventi di bioedilizia e l’accreditamento dei soggetti certificatori”. Con la Delibera del 5 marzo 2010 la Regione dà dunque attuazione a quanto stabilito dalla Legge Regionale n.6 del 27 maggio 2008 recante “Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia”.
Promosso dalle Regioni Italiane e gestito da uno specifico Comitato di Gestione che oltre a rappresentanti di queste ultime e di ITACA vede la partecipazione di iiSBE Italia e di ITC-CNR, il Protocollo permette di stimare il livello di qualità ambientale di un edificio in fase di progetto, misurandone la prestazione rispetto a 49 criteri raggruppati in 18 categorie a loro volta aggregate in 5 aree di valutazione:qualità del sito; consumo di risorse; carichi ambientali; qualità ambientale indoor; qualità del servizio.
Per il necessario supporto tecnico, la Regione Lazio si affiderà al CITERA (Centro di Ricerca interdisciplinare territorio edilizia restauro ambiente ) dell’Università Sapienza di Roma e all’Istituto ITACA (Istituto per l’Innovazione e Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale).

“Protocollo Itaca Lazio residenziale”:http://www.regione.lazio.it/binary/web/casa_bandi/Protocollo_residenziale.pdf

“Protocollo Itaca Lazio non residenziale”:http://www.regione.lazio.it/binary/web/casa_bandi/Protocollo_non_residenziale.pdf