• Articolo , 15 luglio 2009
  • Le eco-energie del Polo d’Innovazione piemontese

  • La ricerca e lo sviluppo del settore delle energie verdi in Piemonte sarà supportato dal lavoro del nuovo Polo d’Innovazione a cui hanno aderito una cinquantina di imprese

(Rinnovabili.it) – Grazie al contributo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale è entrato in attività il Polo di Innovazione Energie Rinnovabili e Mini Hydro che, gestita dall’ATS (Associazione temporanea di scopo), avrà il compito di portare avanti la ricerca e lo sviluppo nel settore delle energie rinnovabili con un particolare focus sul mini-idro. All’iniziativa hanno aderito all’incirca 50 aziende appartenenti ai settori della chimica, geotermia ed agroenergie oltre ad aziende che realizzano e gestiscono impianti per la produzione di energia
Il nuovo Polo è già diventato un riferimento a livello regionale per il settore, anche se altri Poli di Innovazione della Regione Piemonte si stanno occupando di energia.
“Alla luce della difficile crisi economica che la nostra imprenditoria sta vivendo, – ha sottolineato Claudio Gherzi, direttore di Confindustria Vercelli Valsesia – crediamo molto nelle ricadute positive del Polo energetico e riteniamo che rappresenti un’occasione importante per riattivare un circolo virtuoso che favorisca l’economia del nostro territorio”.
“I quattro Poli di Innovazione in campo energetico – ha aggiunto l’Assessore all’Innovazione ed Energia del Piemonte, Andrea Bairati – ribadiscono il forte impegno dell’amministrazione regionale per la valorizzazione del ruolo delle energie alternative, a cui sono stati, infatti, destinati oltre 250 milioni di euro dei Fondi Europei di Sviluppo Regionale, per il miglioramento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il successo della misura dipenderà anche dalla loro capacità di creare sinergie indispensabili per lo sviluppo di progetti all’avanguardia, tanto a livello locale, quanto a livello internazionale”.