• Articolo , 2 ottobre 2009
  • Le Regioni chiedono un ruolo attivo contro il climate change

  • Durante la CRPM (Conference Des Regions Peripheriques Maritimes d’Eeurope), Claudio Martini, Presidente della Toscana, ha dichiarato che le Regioni chiederanno a Bruxelles di avere un ruolo attivo nella lotta al cambiamento climatico

(Rinnovabili.it) – Regioni e Comuni vorrebbero avere un ruolo attivo nella lotta al cambiamento climatico. Il “Patto dei sindaci”:http://www.rinnovabili.it/patto-dei-sindaci-400-citta-si-impegnano-a-condurre-la-lotta-climatica-401201 è stata tra le prime azioni concrete: in tal senso oltre carta 350 città europee hanno messo nero su bianco la volontà di superare entro il 2020 l’obbiettivo UE di una diminuzione del 20% delle emissioni di CO2. E l’impegno dei “piccoli” non finisce con delle promesse.
L’obiettivo è poter partecipare al summit sul Clima organizzato per dicembre in Danimarca, a Copenhagen, pronte a rendere noto che spesso sono proprio le amministrazioni locali a prendere le decisioni più importanti per contrastare l’inquinamento.
Le Regioni europee hanno affrontato il problema proprio oggi a Goteborg, all’”Assemblea delle Regioni periferiche marittime”:http://www.crpm.org/, presenziata da Claudio Martini, governatore della Toscana, che porterà l’argomento anche a Bruxelles, nella settimana dedicata ai comuni e alle regioni dell’Ue, sperando di raggiungere una certa autonomia decisionali nei processi che condurranno all’adozione di politiche volte alla promozione e alla salvaguardia dell’ambiente.