• Articolo , 7 marzo 2009
  • Legambiente: a Pescara arriva il treno verde

  • E’ Pescara la terza tappa del Treno Verde 2009, la storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato, realizzata con il contributo di Italgest Energia Pulita, Consorzio Ecogas e Assogasliquidi, che ha lo scopo di monitorare lo stato d’inquinamento atmosferico e acustico nelle citta’ italiane, e sensibilizzare grandi e piccoli cittadini, sulle nuove possibilita’ di […]

E’ Pescara la terza tappa del Treno Verde 2009, la storica campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato, realizzata con il contributo di Italgest Energia Pulita, Consorzio Ecogas e Assogasliquidi, che ha lo scopo di monitorare lo stato d’inquinamento atmosferico e acustico nelle citta’ italiane, e sensibilizzare grandi e piccoli cittadini, sulle nuove possibilita’ di risparmio energetico, grazie ad una mostra interattiva, incontri e convegni. Sul Treno Verde, aperto al pubblico dal 9 all’ 11 marzo al binario 1 della stazione centrale di Pescara, verra’ affrontato il tema della mobilita’ sostenibile, analizzando i vantaggi che il trasporto pubblico e su ferro puo’ garantire alle citta’ e ai cittadini. Modellini interattivi permetteranno ai visitatori di “toccare con mano” le problematiche del cambiamento climatico e di capire il funzionamento delle energie rinnovabili, mentre altri plastici mostreranno pratiche semplici e concrete per risparmiare energia. La prima carrozza e’ dedicata alla mobilita’ e a come puo’ diventare sostenibile. Attraverso un percorso articolato che va dal “pensare globale” all’”agire locale”, la seconda carrozza spiega il meccanismo dell’effetto serra e i vantaggi delle energie rinnovabili, temi che conducono alla terza carrozza a bordo della quale si potranno scoprire le opportunita’ e le novita’ per risparmiare energia e contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. Anche quest’anno, il Treno Verde porra’ sotto osservazione la citta’ di Pescara, avvalendosi del Laboratorio Mobile dell’Istituto Sperimentale di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), che analizzera’ i livelli di rumore e smog sostando per 72 ore consecutive in Corso Vittorio Emanuele II, n.132.