• Articolo , 19 novembre 2009
  • Legambiente celebra la Festa dell’Albero 2009

  • L’edizione 2009 della festa dell’Albero porterà tutta una serie di iniziative verdi lungo la Penisola con l’intento di promuovere consapevolezza ed educazione ambientale fra le persone

(Rinnovabili.it) – Legambiente da il via a “La Festa dell’Albero”:http://www.legambiente.eu/documenti/2009/0929_festaAlbero09/albero_festa.pdf, iniziativa dell’Associazione ambientalista che vede i cittadini protagonisti speciali; giunta quest’anno alla sua quindicesima edizione, la manifestazione verte sui temi dell’educazione ambientale e sul contributo positivo che una diffusa espansione del verde nelle città può comportare nel cammino verso la risoluzione delle problematiche legate al riscaldamento del Pianeta. Con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il ‘Progetto’ darà luogo, a partire da sabato 21 novembre, a tutta una serie di attività ed iniziative attraverso il Paese. Tali proposte si prefiggono di commemorare non solo idealmente, bensì tramite azioni fattibili, la giornata dedicata ai polmoni della Terra, gli alberi. Susanna Tamaro, testimonial ufficiale della Festa, ha colto l’occasione per presentare la sua storia sulla vita di un albero che ha raccolto in un libro: “Il Grande Albero, una fiaba moderna sull’amore, la natura e la continuità della vita”. Forte del successo raggiunto nelle passate presentazioni (ben 2,5 milioni di alberi messi in dimora), grazie al sostegno dell’Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori l’evento ha l’obiettivo di interrare 1.500.000 piante e far passare il concetto che piantare nuovi alberi è necessario al fine di diminuire l’impatto di CO2 sull’ambiente, e quindi contrastare l’effetto serra.
La Festa dell’Albero serve anche a riportare l’attenzione su un problema ancora troppo attuale quale il disboscamento di aree sempre più vaste, effetto disastroso “per i rischi cui espone il territorio – spiega Legambiente – rendendolo più fragile dal punto di vista idrogeologico, ma anche perché mette in serio pericolo l’equilibrio del nostro ecosistema. Si calcola che la deforestazione incida tra il 20 e il 25% sull’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera”.