• Articolo , 19 aprile 2011
  • L’EPA vietnamita muove i primi passi verso il carbon trade scheme

  • Le imprese vietnamite potranno iscriversi ai registri dell’EPA impegnandosi a ridurre le proprie emissioni di gas serra con la possibilità di sfruttare i crediti ottenuti come merce di scambio, anche con aziende con sede all’estero

(Rinnovabili.it) – La Environmental Protection Administration vietnamita ha presentato una serie di regole per la corretta gestione delle emissioni di carbonio prodotte da Taiwan, spianando così la strada verso un’eventuale piattaforma di trading.
“Le imprese locali già partecipano al piano d’azione governativo per il credito o al piano di riduzione degli inquinanti ma adesso potranno iscriversi al registro dell’EPA”.
I dati registrati, a segnalare la volontaria riduzione degli inquinanti potranno poi essere utilizzati come offset per la valutazione dell’impatto ambientale in vista della futura espansione degli impianti oppure potranno essere venduti ad altre imprese nazionali, ha specificato Chou Shu-wan responsabile dell’ufficio per la riduzione delle emissioni di gas serra dell’EPA.
“Con il permesso dell’EPA, i titolari dei conti hanno anche la facoltà di acquistare crediti di carbonio da aziende estere per compensare le proprie emissioni” ha proseguito Chou Shu-wan.
Vista l’attesa per l’approvazione legislativa per il Greenhouse Gas Reduction Act, che dura dal 2007, nel frattempo l’EPA ha deciso di istituire una piattaforma nazionale che regolamenta e monitora il commercio delle emissioni di carbonio, premiando le aziende che hanno dimostrato di riuscire a ridurre le proprie emissioni.