• Articolo , 25 giugno 2009
  • Lifting “verde” per l’edificio più alto degli Usa

  • Dentro e fuori, efficienza passiva e attiva, insomma tutto: ecco quello che servirà a rendere più eco-compatibile il grattacielo più alto d’Europa

(Rinnovabili.it) – E’ un simbolo. Un segno dell’America che cambia e della ventata nuova che l’amminstrazione di Obama sta portando in tutto il paese. E certamente questo intervento è simbolico, perché si realizza sul più alto edificio Usa che sarà rivoltato da cima a fondo allo scopo di renderlo più eco-compatibile in stile ambientalista che richiederà un budget di trecentocinquanta milioni di dollari. Si tratta di un grattacielo di oltre 440 metri, che vanta ben 110 anni di storia ed è ormai un elemento storico della città. L’intervento servirà a ridurre il consumo di elettricità della “Sears Tower”, dell’80% e l’uso di acqua del 40%. La costruzione sarà ribattezzata Willis Tower (in seguito all’accordo con la Willis Group Holdings, società leader nella consulenza e nel brokeraggio assicurativo).
Per rendere “verde” il grattacielo, di proprietà dell’American Landmark Properties, si pensa, tra le altre misure, di sostituire le 16.000 finestre della torre, per permettere un clima interno più equilibrato rispetto ai freddi inverni e alle estati torride di Chicago. Ma anche il riscaldamento verrà modernizzato con l’adozione di una caldaia a gas dotata di celle combustibili, che generino elettricità, garantendo sia riscaldamento che raffreddamento. Per gli spostamenti anche una sostituzione degli ascensori (104) e delle scale mobili (15) per realizzare un risparmio di elettricità del 40%. Sarà calibrato anche lo sfruttamento della luce del sole, con l’utilizzo di sistemi che abbasseranno automaticamente la luce artificiale, sulla base dell’intensità di quella naturale. E ovviamente è prevista l’installazione di pannelli solari per riscaldare l’acqua.