• Articolo , 11 novembre 2009
  • Lombardia/Odessa. Accordo per energia, ricerca e industria

  • E’ stato siglato oggi in Regione Lombardia dall’assessore alle Reti, Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo sostenibile, Massimo Buscemi, delegato dal presidente Roberto Formigoni, un Accordo con la Regione di Odessa (Ucraina) per promuovere una collaborazione nei settori dell’industria, della ricerca, dell’innovazione tecnologica, dell’energia, delle nanotecnologie, dell’agroindustria e del manifatturiero avanzato. Per la Regione di […]

E’ stato siglato oggi in Regione Lombardia dall’assessore alle Reti, Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo sostenibile, Massimo Buscemi, delegato dal presidente Roberto Formigoni, un Accordo con la Regione di Odessa (Ucraina) per promuovere una collaborazione nei settori dell’industria, della ricerca, dell’innovazione tecnologica, dell’energia, delle nanotecnologie, dell’agroindustria e del manifatturiero avanzato.
Per la Regione di Odessa il documento è stato firmato dal vice presidente del Consiglio regionale, Mykola Tindyuk.
“Regione Lombardia – ha detto l’assessore Buscemi – ha una lunga e virtuosa tradizione in questi settori ed in particolare nel campo della gestione e dell’utilizzo delle acque e dei rifiuti.
La firma di questo Accordo rinsalderà quindi l’amicizia tra le due Regioni ma porterà soprattutto benefici per l’ambiente”.
Regione Lombardia metterà in campo, tra l’altro, la propria collaborazione con le università lombarde, con le quali vanta una stretta intesa, e quella con EnergyLab, la fondazione che studia le energie alternative.
I rapporti tra le due Regioni sono iniziati nel novembre del 2006 con una lettera d’intenti, il cui obiettivo era incrementare le collaborazioni nei settori tecnico-scientifici.
Da allora si sono intensificati i contatti che hanno portato, dopo l’assenso, lo scorso settembre, del Ministero degli Affari esteri, alla definizione del testo dell’Accordo sottoscritto oggi. “Gli obiettivi che vogliamo raggiungere – ha concluso Buscemi – sono quelli di promuovere una reciproca partecipazione alle fiere, conferenze e convegni di carattere scientifico, commerciale e industriale, attivare contatti tra istituti ed enti di ricerca, promuovere l’interscambio di informazioni nei settori di interesse comune e trasferire programmi di assistenza tecnica tra le rispettive piccole e medie imprese”.
L’Intesa avrà una durata di cinque anni.