• Articolo , 24 ottobre 2008
  • Lucca spinge su bioedilizia e bioarchitettura

  • Continua a Lucca il percorso per la promozione dell´utilizzo della bioarchitettura e l´utilizzo di tecniche di bio-edilizia ai fini del miglioramento della qualità della vita e per incrementare le azioni di tutela ambientale. In primavera sarà inaugurato nell´area ex Bertolli di Sorbano il primo dei due complessi del polo tecnologico lucchese. Un polo che ospiterà […]

Continua a Lucca il percorso per la promozione dell´utilizzo della bioarchitettura e l´utilizzo di tecniche di bio-edilizia ai fini del miglioramento della qualità della vita e per incrementare le azioni di tutela ambientale. In primavera sarà inaugurato nell´area ex Bertolli di Sorbano il primo dei due complessi del polo tecnologico lucchese. Un polo che ospiterà laboratori di ricerca avanzata sulle tecnologie robotiche e gli ambienti virtuali, centri di sperimentazione e spin-off universitari, incubatori d´impresa, start-up di imprese operanti in settori innovativi quali la bio-ediliza e le tecnologie dell´informazione e della comunicazione (Ict). Il progetto del primo lotto è stato presentato ufficialmente il mese scorso ed è stato messo a punto dal Provveditorato Opere Pubbliche regionale, dallo studio dell´architetto Pietro Carlo Pellegrini e da Envipark, centro torinese di consulenza in materia di eco-efficienza. Sarà realizzato secondo una serie di strategie progettuali orientate alla eco-sostenibilità: sarà infatti in grado di garantire un risparmio energetico del 75%, con un consumo di energia pari a circa un quarto rispetto a quello di un edificio tradizionale. Ed entro un anno diventerà ¨cantiere scuola¨ per la sensibilizzazione alla bio-edilizia e alla bio-architettura. Ossia la sede della divulgazione delle tecniche e dei materiali eco-copatibili agli operatori del settore edile. La seconda struttura (progettata dalla Provincia e dal Centro Abita di Firenze) invece accoglierà aziende appena nate, orientate all´utilizzo delle tecnologia eco-compatibile.