• Articolo , 22 novembre 2008
  • Manfredonia, disposizioni per realizzazione impianti fotovoltaici

  • Sarà più semplice realizzare impianti fotovoltaici nel Comune di Manfredonia. Definite, infatti, grazie all’ufficio tecnico del settore ambiente ed approvate dal consiglio comunale, le disposizioni e gli indirizzi per la realizzazione e la gestione degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili “con potenza inferiore ad un megawatt”, nonché “delle opere connesse […]

Sarà più semplice realizzare impianti fotovoltaici nel Comune di Manfredonia. Definite, infatti, grazie all’ufficio tecnico del settore ambiente ed approvate dal consiglio comunale, le disposizioni e gli indirizzi per la realizzazione e la gestione degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili “con potenza inferiore ad un megawatt”, nonché “delle opere connesse ed infrastrutture indispensabili alla loro costruzione ed esercizio”. Istituto inoltre il servizio attuazione politiche ambientali, ovvero la struttura di riferimento per l’istruttoria, l’adozione del provvedimento finale ed ogni altro adempimento procedurale specifico. Il documento di indirizzo ha pertanto recepito la legge regionale del 31 dell’ottobre 2008 contenente “Norme in materia produzione di energia da fonti rinnovabili e per la produzione di immissioni inquinanti in materia ambientale”. Nell’ambito del territorio comunale di Manfredonia sono dunque realizzabili impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili fino ad 1 mw, mediante Autorizzazione comunale, Denuncia di inizio di attività (dia.) e Comunicazione, che costituiscono pertanto i titoli abilitanti ai fini degli adempimenti in materia di edilizia energetica, fate salve naturalmente le norme e relative autorizzazioni in materia ambientale, paesaggistica, di tutela del patrimonio storico-artistico, della salute e della pubblica incolumità.In particolare per le tipologie d’impianti di potenza nominale massima di 20 kw, si applicano le modalità operative semplificate della D.I.A. così come previste dalla modulistica approntata dal dirigente del settore manutenzione e ambiente ing. Simone Lorussi; mentre la semplice Comunicazione preventiva basterà per quegli impianti solari termici o fotovoltaici aderenti o integrati nei tetti degli edifici con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento della falda e i cui componenti non modificano la sagoma degli edifici stessi. I proponenti di impianti fotovoltaici sono tenuti a stipulare a favore del Comune, Assessorato all’ambiente, un fideiussione bancaria a garanzia degli obblighi assunti di inizio e ultimazione lavori per un importo pari a 10 euro per ogni kw della potenza elettrica istallata. Inoltre alla firma dell’atto di impegno con il Comune, il proponente l’impianto sottoscrive una convenzione inerente ai profili di inserimento ambientale e compensazione degli eventuali impatti dell’impianto. accompagnata dall’impegno a corrispondere al Comune la somma di cinque mila euro a fondo perduto, nonchè un importo annuo pari a cinque euro per ogni kw istallato. Tali obblighi non sono richiesti per le tipologie di impianti per autoproduzione per i quali è prevista la semplice comunicazione.