• Articolo , 14 maggio 2009
  • Marrazzo e Alemanno credono nella mobilità sostenibile

  • Bisogna prendere esempio dal Giappone: puntare sulla green economy costruendo mezzi di trasporto che inquinino sempre meno

(Rinnovabili.it) – Si è aperto oggi, al Palazzo dei Congressi dell’Eur, il “Salone della mobilità” denominato “MotechEco” a cui prenderanno parte le maggiori case automobilistiche per esporre le ultime novità progettate per abbattere i consumi e diminuire le emissioni di CO2. Dalla conferanza inaugurale Piero Marrazzo, presidente della regione Lazio, ha dipinto un quadro della situazione: “Il futuro non può che andare nella direzione della mobilità sostenibile. Tutti vogliamo muoverci, vogliamo disporre di mezzi che ci consentano di vivere una qualità della vita importante, ma allo stesso tempo non è possibile colpire ciò che ci circonda e cioè l’ambiente”. Per Roma e la Regione lazio la strada suggerita è quella del “trasporto su ferro e su forme di mobilità sostenibile, intervenendo anche sulle consolari e sul sistema dei pendolari”.
Focus anche selle energie alternative: “L’Unione europea ha fissato per l’Italia la quota del 20% da fonti rinnovabili entro il 2020 e questa sfida può essere anche una possibilità per uscire dalla crisi economica”.
“Dobbiamo far capire agli imprenditori – ha detto il presidente – che lo sviluppo sostenibile è anche una possibilità per far nascere profitto”. E ha concluso, riferendosi al “MotechEco”: “qui c’è un pezzo del nostro futuro: resta da capire se questo futuro lo costruiremo davvero insieme”.
Accanto a Marrazzo c’era anche il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che ha dichiarato: “Abbiamo il centro storico più complesso del mondo e soltanto un forte ricorso alle tecnologie più moderne, sostenibili, ci può permettere di avere una mobilità che sia appunto sostenibile e soddisfi i cittadini”.